«Salvare i reperti archeologici»
Data: Martedì, 20 novembre 2001 @ 16:13:38
Argomento: Rassegna Stampa


Guidonia: chiesta la modifica dello svincolo per il Centro agroalimentare

Salvaguardia dei reperti archeologici rinvenuti a Setteville e modifica dello svincolo d'accesso al Centro agroalimentare romano (Car). A chiederlo sono una petizione popolare e un’interrogazione parlamentare. La raccolta di firme, inviata al Comune di Guidonia e al ministero per i Beni culturali, è promossa dall'Associazione Nomentana di Storia e Archeologia, da anni impegnata nella promozione delle bellezze archeologiche dell'hinterland. La petizione ha lo scopo di tutelare gli ultimi ed importanti rinvenimenti storici nell'area compresa tra la via Tiburtina e il Fosso del Cavaliere, dove nei mesi scorsi è venuto alla luce un tratto dell'antica via Tiburtina, nonchè due aree funerarie con iscrizioni, botteghe con ceramiche e monete e alcune strutture murarie appartenenti ad antichi sepolcri. In particolare le iscrizioni, si è saputo, appartenevano una ad un gerarca dell'esercito romano, l'altra ad un liberto dell'imperatore. La scoperta, però, è avvenuta nei pressi dello svincolo autostradale che, una volta realizzato, faciliterebbe l'ingresso al Car. Il timore dell'Associazione è che la sua costruzione, in un'area ricca dal punto di vista archeologico, metterebbe in pericolo ulteriori rinvenimenti nella stessa zona. «Ovviamente - spiega Salvatore Giuseppe Vicario, a capo dell'Associazione archeologica - non chiediamo che non si faccia lo svincolo, ma soltanto che vengano rispettati i reperti e la zona delle scoperte, il che è possibile, come dimostra la costruzione del Museo di Setteville». Stesso obiettivo ha l'interrogazione presentata dal deputato di An Vittorio Messa in Parlamento. «Va detto che il Car - sostiene Messa - ha sempre dimostrato una certa sensibilità verso questi temi, ma le Belle arti dovevano avvisare la proprietà in relazione alle scoperte fatte, perché si tratta di un patrimonio della collettività». «Lavoriamo d'intesa con la Sovrintendenza, rispettando le sue prescrizioni - ribatte il direttore del Car, Fabio Massimo Pallottini - perciò vedremo come rendere compatibile la salvaguardia dei ritrovamenti archeologici e la realizzazione dell'opera». ( da Il Messaggero del 20/11/01)





Questo Articolo proviene da Hangin On - Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
http://www.aniene.net

L'URL per questa storia è:
http://www.aniene.net/modules.php?name=News&file=article&sid=22