Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Pendolari, due fronti di guerra

 .:Inviato Lunedì, 21 ottobre 2002 @ 13:17:21 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli: rivolta per il telepass in autostrada, protesta per i treni. File enormi al casello: il nuovo controllo automatico ha di fatto ridotto gli accessi. Paralisi sulla Tiburtina e la Maremmana Ore sette, scatta l'incubo quotidiano per migliaia di pendolari. E si scatena la rivolta dei forzati del traffico che in auto, con il treno o pigiati negli autobus dall'area di Tivoli e Guidonia devono raggiungere Roma. Ieri, alle 7.30 nel casello autostradale di Tivoli è dovuta intervenire la Polstrada Roma Est per calmare gli animi degli automobilisti esasperati dalle file: per accedere alla rampa d'ingresso della A24 dal bivio della Maremmana i tempi di percorrenza superavano i trenta minuti. E la situazione già drammatica (nella barriera tiburtina ogni giorno transitano oltre 11.000 veicoli) è diventata da allarme rosso da lunedì 14 ottobre. Motivo: uno dei tre caselli in entrata è diventato accessibile solo a chi dispone del telepass sull'auto mentre fino a qualche giorno fa era "promiscuo": il risultato è che i pochi che hanno il dispositivo elettronico passano facilmente, tutti gli altri sono indirizzati in sole due barriere. «Se la prendono con noi - raccontano i casellanti - ogni giorno rischiamo davvero le botte, come se fossimo colpevoli della fila, mentre ci siamo solo attenuti alle disposizioni». «Non è possibile - ribatte Ruggero Calzavara, è su una Lancia - perdere un'ora per entrare in autostrada. E non si può obbligare un utente a pagare anche l'abbonamento al telepass». Da giorni, i rallentamenti causati dal serpentone di auto, si ripercuotono direttamente sulla via Tiburtina e la via Maremmana, con il blocco della circolazione anche verso la via Prenestina: le auto ferme nei pressi dello svincolo per l'autostrada formano una barriera insormontabile. E ieri è stata anche la giornata delle proteste dei pendolari che viaggiano in treno. Nella stazione di Lunghezza centinaia di persone, stanche dell'assalto quotidiano dei nomadi del vicino campo di via di Salone, hanno bloccato i binari per due ore, dalle 7.50 alle 10.05. Il regionale in partenza alle 9.30 da Tivoli è stato soppresso, e tutti i treni in transito sulla tratta in entrambi le direzioni hanno accumulato dai sessanta ai venti minuti di ritardo. I problemi sono tanti. Li riassume Bruna Benvenù, 40 anni, ogni giorno e da dieci anni sale alla stazione di Bagni di Tivoli diretta a Roma Tiburtina: «E’ vero, siamo stufi di dividere il treno con i nomadi che salgono a la Rustica, sporcano e fanno bisogni dovunque, ma questo è solo uno dei tanti problemi. Le carrozze sono vecchie di trent'anni, i finestrini sono rottti, non esiste aria condizionata. Siamo considerati come bestie, il treno è sempre pieno: a volte l'unico posto libero è il bagno. Basterebbe aumentare le corse nelle ore di punta e curare di più il servizio. Tutti parlano solo dei nomadi, ma da anni si viaggia nel degrado assoluto, con e senza rom». (da Il Messaggero del 18/10/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Pendolari, due fronti di guerra" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/