Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Centro agroalimentare, Sos strade

 .:Inviato Lunedì, 07 ottobre 2002 @ 16:55:04 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia: è il più grande d’Italia ma è collegato in modo insufficiente. Sulla Tiburtina pronta la “città dei commerci” che però rischia di paralizzare la statale. Annunciata protesta dei residenti E' pronto, il più grande Centro agroalimentare d'Italia e uno dei maggiori d'Europa nel settore della movimentazione di prodotti ortofrutticoli e ittici. Il taglio del nastro della "città dei commerci", che ospiterà sulla via Tiburtina i vecchi Mercati generali di Via Ostiense, è previsto per la fine di ottobre. Ma rimangono ancora irrisolti alcuni aspetti ed il timore, non solo dei cittadini, ma degli stessi amministratori, è che Guidonia paghi un prezzo troppo grande per la nascita di un Centro che mira ad imporsi come snodo internazionale, con particolare attenzione ai Paesi del Bacino del Mediterraneo e dell'Est europeo. Due le spine nel fianco di Palazzo Matteotti: la viabilità e la sicurezza del territorio che per vastità e disgregazione è già difficilmente gestibile. I collegamenti viari del Car all'A24 e all'autostrada A1 Milano-Napoli non sono ritenuti sufficienti a smaltire l' intensa presenza di mezzi ed il rischio più evidente è la paralisi della via Tiburtina, il cui raddoppio è ancora al vaglio delle amministrazioni. Lo dice chiaramente il sindaco di Guidonia, Stefano Sassano che se da un lato sottolinea l'importanza economica dovuta all'apertura del Centro agroalimentare nella città, dall'altro esprime una grande preoccupazione per i disagi alla circolazione che investiranno il territorio comunale. «Il Car - afferma - per un comune come Guidonia in continua crescita e alla ricerca di un'identità, rappresenta una grande opportunità, ma bisogna assolutamente potenziare l'intero assetto viario, perché l'aumento del traffico potrebbe comportare una situazione di ulteriore stress per la via Tiburtina, già congestionata per la viabilità». Anche la Provincia non sottovaluta il problema e propone di prolungare la linea B della metro da Rebibbia fino al confine del Car. «Localizzare in questo quadrante - dice il consigliere di zona Marco Di Cosimo - il nuovo insediamento di Ponte di Nona che porterà circa 20 mila abitanti, il Polo tecnologico, il Centro metropolitano di Lunghezza e una serie di piani di edilizia economia e popolare senza infrastrutture adeguate vuol dire paralisi della viabilità». Intanto i residenti della zona hanno organizzato per il giorno dell'inaugurazione del Car una grande manifestazione: chiedono l'interdizione al transito sulla Tiburtina ai mezzi pesanti, una corsia preferenziale per gli autobus, la rinuncia al nuovo casello sull'A24, l'allargamento della Tiburtina e la realizzazione delle due complanari a Nord e Sud di questa. Massima attenzione anche sul fronte della sicurezza, ma le preoccupazioni, però, non vengono meno. «Bisogna considerare - spiega il vicepresidente della Commissione Sicurezza del Campidoglio Adalberto Bertucci, consigliere di Alleanza Nazionale e residente a Guidonia - che a ridosso della via Tiburtina insiste anche il campo nomadi di via Salone e che la microcriminalità, con l'apertura del Car, potrebbe rinvigorirsi di nuovi insediamenti malavitosi». In atto, disposto dal Questore di Roma, c'è già un aumento di personale, rafforzamento del posto di polizia di Guidonia e un incremento della presenza in strada delle forze dell'ordine con l'ausilio di otto volanti della Sezione Anticrimine Lazio. «Abbiamo deciso di attivarci per sensibilizzare le autorità competenti - aggiunge il sindaco Sassano - affinché aumenti l'attività di prevenzione e di repressione dei reati sul territorio». (da Il Messaggero del 06/10/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Centro agroalimentare, Sos strade" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/