Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Valle Aniene, Sos per le scuole

 .:Inviato Venerdì, 04 ottobre 2002 @ 18:33:46 da titiro
Rassegna Stampa I sindaci si mobilitano contro i tagli regionali di classi ed interi istituti Si profilano nuovi "tagli" per le scuole dell'obbligo nella Valle dell'Aniene. Dopo l'eliminazione di alcuni importanti servizi nel comprensorio (che conta 26 dei 33 paesi a rischio-estinzione per spopolamento), adesso in diversi comuni si rischia infatti un'ulteriore soppressione di scuole, che andrebbe ad aggiungersi allo stesso provvedimento già attuato per le elementari e la materna statale a Cervara. I comuni interessati dal ridimensionamento scolastico sono, questa volta, Cerreto, Gerano Ciciliano, Sambuci e Pisoniano, (i primi due colpiti dal terremoto di due anni e mezzo fa), dove si registrano proteste. I sindaci dei cinque paesi, rinfatti, sono sul piede di guerra e annunciano iniziative per scongiurare la negativa eventualità. La situazione di disagio che vivono gli abitanti è stata sottolineata in un incontro alla Regione con gli assessori alle Politiche della scuola e all'Urbanistica, Giorgio Simeoni e Armando Dionisi, il consigliere regionale Giacomo Troja e il presidente della decima Comunità montana, Luciano Romanzi. «Nei nostri comuni - tuonano i sindaci- non si possono subire continuamente tagli ai servizi essenziali. Così si mette a rischio la sopravvivenza demografica delle popolazioni». L'assessore Simeoni promette di individuare «un percorso realizzabile che partendo dal disagio espresso possa portare soluzioni in grado di rilanciare il sistema scolastico nell'area». Ma il primo cittadino di Cerreto usa toni duri: «Farebbero prima a chiudere i comuni e a trasferire la gente nelle grandi città», sbotta Giovanni Zuccari. «Come se non bastassero i tanti problemi del comprensorio- aggiunge- ora vogliono toglierci anche le scuole. Si era parlato di progetti e finanziamenti per favorire lo sviluppo ed evitare il rischio-estinzione, ma finora si è visto ben poco». La Valle dell'Aniene, insomma, continua a morire, con servizi sempre più carenti, viabilità inadeguata, disoccupazione alle stelle ed economia che langue, mentre dalle istituzioni sovracomunali, ancora non arrivano gli attesi segnali per una ripresa che resta quindi molto lontana. E intanto parecchi comuni lottano per sopravvivere. (da Il Messaggero del 04/10/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Valle Aniene, Sos per le scuole" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/