Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Simbrivio, no ai nuovi prelievi

 .:Inviato Mercoledì, 02 ottobre 2002 @ 17:44:48 da titiro
Rassegna Stampa Il Comitato Aniene contesta la decisione di captare altra acqua dal Pertuso I lavori per il nuovo acquedotto del Simbrivio si sono conclusi, mentre a Subiaco e in altri comuni non serviti dall'ente idrico (e quindi non alle prese con i problemi legati alla carenza d'acqua specie in estate) sale la protesta contro il progetto avviato dal commissario straordinario e vicepresidente della Provincia di Roma, Massimo Sessa. L'opera - decisa per collegare con una condotta di 2,3 chilometri la sorgente del Pertuso con la centrale del Ceraso, tra Filettino e Trevi nel Lazio (Frosinone) - è destinata già nei prossimi giorni a garantire, attraverso un elettrodotto dell'Enel Green Power, altri 360 litri al secondo nella rete del Simbrivio. L'obiettivo è di superare l'emergenza idrica che per alcuni mesi l'anno, crea mille disagi in 48 comuni dell'hinterland romano e in 60 in tutto il Lazio. A scatenare le proteste degli ambientalisti è il timore che il nuovo quantitativo del prezioso liquido a disposizione del Simbrivio possa provocare danni al fiume Aniene. Così l'omonimo Comitato, nato in difesa del corso d'acqua, ha chiesto al sindaco di Subiaco, Francesco Lando, di approvare in Consiglio comunale un ordine del giorno per richiedere al Premier Silvio Berlusconi (il governo a fine luglio ha approvato lo stato d'emergenza nell'area del Simbrivio) di revocare il decreto del Consiglio dei ministri. Con lo stesso documento (già votato dal Comune) si dovrebbe inoltre chiedere al commissario straordinario Sessa, di non immettere altra acqua nelle condotte del Consorzio romano. La costruzione del nuovo acquedotto, vista di buon occhio da molti sindaci e amministratori comunale dei paesi che soffrono la "grande sete", nelle ultime settimane ha creato forti proteste di Verdi, Legambiente e Wwf. Intanto un nuovo guasto si è verificato lungo il vecchio acquedotto del Simbrivio, tra i monti di Arcinazzo Romano. «Nonostante i poteri straordinari - dice il commissario Sessa - ho scelto di procedere attraverso un corretto percorso istituzionale. Da tutte queste proteste non emerge la benché minima solidarietà verso le popolazioni che non hanno l'acqua». Intanto, mentre ieri la questione è stata affrontata anche dalla Comunità montana dell'Aniene, Sessa e i due vicecommissari del Simbrivio dopodomani saranno ascoltati dalla commissione Ambiente della Regione. (da Il Messaggero del 01/09/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Simbrivio, no ai nuovi prelievi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/