Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Misterioso incendio di un’auto

 .:Inviato Venerdì, 27 settembre 2002 @ 17:13:50 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli: la molotov forse diretta contro l’edicola manda in cenere un’Alfa 33 Un atto intimidatorio, forse messo a segno con una bottiglia incendiaria. Con un bersaglio preciso: un'edicola del quartiere Braschi a Tivoli. Le fiamme hanno invaso l'entrata della rivendita di giornali, ma per cause che sono ancora tutte da chiarire nel rogo è andata letteralmente distrutta una macchina che era parcheggiata proprio di fronte la serranda del locale. E' questa una delle ipotesi degli investigatori sull'incendio che alle 4 di ieri ha mandato in fumo una Alfa 33 di un pensionato residente nella zona lasciata a pochi centimetri dall'edicola. C'era stato già un precedente, tre mesi fa. Nella notte del 10 luglio, infatti, l'entrata dell'esercizio di via Francesco Bulgarini era stata distrutta da un altro "misterioso" incendio, appiccato di notte con uno straccio e della benzina, ma ieri i danni sono stati maggiori. Le fiamme sono passate attraverso la protezione di ferro, hanno causato l'esplosione delle vetrine e del circuito elettrico e forse solo in un secondo momento hanno coinvolto anche la macchina, che era stata parcheggiata intorno le 19 di mercoledì attaccata al negozio. Si tratta di un giallo in piena regola, sul quale stanno indagando i poliziotti del commissariato di Tivoli, che, almeno per il momento escludono la pista del racket e che il proprietario della vettura sia in qualche modo coinvolto nell'atto intimidatorio. Ed è chiaro che la pista battuta dai poliziotti coordinati da Adriano Lauro, visto l'episodio di qualche mese fa, è che i malviventi volevano centrare proprio all'esercizio commerciale. Le indagini sono a tutto campo, e ieri c'è stato un sopralluogo della Polizia Scientifica. Solo dal risultato dei rilievi si potrà scoprire che cosa sia esattamente successo l'altra notte. «Non abbiamo mai subito alcuna pressione né richieste di denaro - assicura la figlia della proprietaria dell'edicola, Pamela Benedetti - siamo una famiglia tranquilla, lavoriamo e basta. Non riusciamo a capire questo accanimento: abbiamo questa attività da un paio di anni, e due episodi del genere sono davvero troppi». (da Il Messaggero del 27/09/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Misterioso incendio di un’auto" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/