Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Villa Gregoriana terra di nessuno

 .:Inviato Giovedì, 26 settembre 2002 @ 17:39:25 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli: la vecchia biglietteria di notte diventa rifugio di disperati. E’diventata ricovero di tossicodipendenti ed extracomunitari . Intorno degrado ed abbandono, in attesa del rilancio Villa Gregoriana rifugio di clandestini e disperati. Arrivano di notte, se ne vanno con la prime luci dell'alba. Vivono, come possono, nella biglietteria del monumento ottocentesco nel pieno centro di Tivoli. Sono dei fantasmi, tossicodipendenti ed extracomunitari, che nella disperata ricerca di un tetto hanno trasformato le quattro mura appena sotto l'entrata della villa nella loro casa. Scavalcano l'enorme cancello di ferro, sbarrato ai visitatori da due anni, con una scala a pioli che poi abbandonano sulle scale. Entrano in quella che era la biglietteria attraverso un portoncino scassinato, visibile anche dal muro di cinta dei giardini. E basta affacciarsi dal parapetto per notare i materassi e le povere cose che testimoniano la presenza di persone. Un filo per il bucato attaccato a due alberi secolari, un secchio per l'acqua, delle sedie, un fornelletto da campeggio. Ed intorno tanta sporcizia: scatolette vuote, bicchieri, decine di bottiglie di birra e piatti di plastica. I servizi igienici sono appena fuori il monumento, sulla strada. Due piccoli bagni pubblici, aperti anche di notte e da sempre oggetto di atti vandalici. Dopo la chiusura dei giardini delle meraviglie creati nel 1835 da Papa Gregorio XVI sul panorama mozzafiato delle grandi cascate dell'Aniene e nell'attesa della "rinascita" con la prossima gestione del Fondo per l'Ambiente Italiano, nella Cenerentola delle ville tiburtine c'è solo degrado, disperazione ed abbandono. «Sì - conferma Luciano Proietti, che abita a pochi metri di distanza da Villa Gregoriana - dormono qui in parecchi, li vedo scavalcare appena fa buio: il primo salta e attacca la scala per far scendere gli altri. Quanti sono non lo so, forse una decina. Spesso li sentiamo litigare fino a notte fonda, sembrano stranieri. I primi li abbiamo notati questa estate, poi sempre di più». «Da quando Villa Gregoriana è chiusa - aggiunge il gestore di un ristorante - questo quartiere è diventato terra di nessuno. Abbiamo paura, anche in pieno giorno. Prima era il salotto di Tivoli, con un continuo via vai di visitatori. Ora c'è solo sporcizia, dentro e fuori. E la cosa più incredibile è che in pochi sanno che il monumento è chiuso: vediamo le guide con i turisti che si affacciano ai cancelli, poi fanno dietro front. Qualcuno si arrabbia, chiede informazioni ai passanti. Si arrendono solo davanti alle evidenza: vedono l'immondizia sui viali e vanno via». Un paio di mesi fa anche il presidente del Fai, Mauro Magnifico, durante un sopralluogo aveva segnalato al Comune di Tivoli la situazione da "allarme sanitario" del monumento chiuso al pubblico dal gennaio del 2000, quando la cooperativa di pensionati che si occupava di staccare i biglietti e della manutenzione dei viali decise di ritirarsi dall'affare. Tra poche settimane, forse entro ottobre, verrà finalmente siglata ufficialmente l'acquisizione da parte della fondazione di Villa Gregoriana. Dopo una lunga trattiva l'accordo è stato raggiunto: il Fai gestirà il sito di proprietà del Ministero delle Finanze, in cambio di un canone annuo di circa 7000 euro, e si farà carico dei lavori di restauro necessari alla riapertura dei giardini ottocenteschi costruiti sui resti della residenza tiburtina del console romano Manlio Vopisco. E per visitare Villa Gregoriana si dovrà attendere almeno un anno. (da Il Messaggero del 25/09/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Villa Gregoriana terra di nessuno" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/