Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Cacciatore ucciso: indagini e polemiche.

 .:Inviato Martedì, 04 dicembre 2001 @ 15:56:02 da titiro
Rassegna Stampa Subiaco: a sparare è stato un trentanovenne di Agosta, denunciato per omicidio colposo. A Subiaco, dopo il tragico incidente di caccia di domenica mattina che ha causato la morte del cinquantottenne Benedetto Felici, torna alla ribalta la polemica sull'attività venatoria e sui rischi connessi. E continuano le indagini dei carabinieri, che hanno identificato e denunciato, per omicidio colposo, C.F., 39 anni, di Agosta, il cacciatore che ha sparato, scambiando la vittima per un cinghiale. I militari stanno anche accertando se tutte le norme di sicurezza previste dalla normativa sulle battute al cinghiale siano state rispettate dalla squadra che ha partecipato. Nell'occhio del ciclone e delle polemiche, resta, comunque, la caccia a questo mammifero selvatico molto diffuso nell'Alta Valle dell'Aniene. «Ci sono - spiega Giuseppe Ciani, responsabile del corpo delle Guardie provinciali - delle regole ben precise. La squadra è composta da un minimo di 15 persone, occorre segnalare con appositi strumenti il territorio di battuta e, prima di iniziare la caccia, che può partire solo dalle 9 della mattina, va emesso un segnale acustico di avvertimento». Ma quante sono le squadre di cacciatori che operano nella Valle dell'Aniene? «Quelle registrate - racconta Angelo Pasqualetti, della Consulta venatoria provinciale - sono almeno una decina e nell'elenco figurano tutti i componenti. Questo tipo di caccia, purtroppo, è estremamente pericoloso, soprattutto per le devastanti pallottole che si usano. A volte, non trovando l'animale, i cacciatori emigrano in un'altra zona non segnalata e ciò è assolutamente vietato». (da Il Messaggero del 4/12/01)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Cacciatore ucciso: indagini e polemiche." | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/