Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Il Venezuela passa all'open source

 .:Inviato Mercoledì, 04 settembre 2002 @ 16:19:19 da titiro
Software Libero La decisione prevede l'adozione di software proprietario solo se inevitabile, la rimozione di tutte le copie senza licenza dai PC governativi, l'impulso all'open source e la proliferazione di Linux per internetRoma - Ha il sapore di un cambio di rotta completo e rivoluzionario la nuova politica decisa dal governo venezuelano con cui intende lasciarsi alle spalle i prodotti proprietari e adottare software open source ad ogni livello, spingendo in particolare su Linux e liberandosi del problema dell'abuso delle licenze proprietarie sui computer governativi.Stando ad un articolo apparso sull'autorevole Linux Today, da mercoledì la nuova policy è operativa e si fonda sul principio dell'adozione di software proprietario esclusivamente quando e se non vi siano alternative fondate sulla GPL, la licenza "cuore" dell'open source. I software open source saranno quindi diffusi in tutti gli ambiti della Pubblica Amministrazione venezuelana, sarà open source il sistema di calcolo tributario del paese e verrà data la caccia ai software proprietari che si trovassero su computer istituzionali senza la debita licenza. Questi prodotti verranno infatti rimossi e al loro posto sarà invece preferito Linux, sistema che dovrà governare anche gli accessi ad internet. In America Latina la presa di posizione del Venezuela sembra senz'altro la più decisa sulla via dell'open source nelle istituzioni, sebbene proprio in quel continente un altro paese, il Perù, stia da tempo valutando lo stesso passo pur dovendo fare i conti con le pressioni dei partner americani, decisi a salvaguardare il lucroso mercato dell'esportazione di software proprietario. L'origine non-venezuelana della stragrande maggioranza del software adottato nella PA è peraltro una delle ragioni che stanno alla base della scelta del Governo. Si tratta, infatti, di portare nelle mani degli sviluppatori e delle aziende del paese un mercato che fino a questo momento è dominato al 95 per cento da produzioni estere. (da puntoinformatico.net)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Il Venezuela passa all'open source" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/