Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Tivoli, rinasce Villa Gregoriana

 .:Inviato Venerdì, 19 luglio 2002 @ 13:09:12 da titiro
Rassegna Stampa La gestione affidata al Fai, che restaurerà il complesso ottocentesco. L’Agenzia del Demanio ha trovato l’accordo con il Fondo per l’ambiente italiano, che pagherà un canone annuo simbolico. Affare fatto, accordo raggiunto. Sarà il Fai (Fondo per l'Ambiente Italiano) a gestire Villa Gregoriana di Tivoli, il monumento "dimenticato" e chiuso da due anni di proprietà dell'Agenzia del Demanio. In cambio di un canone annuo simbolico, circa 15 mila euro, ed un affidamento in comodato di almeno vent'anni il Fai si occuperà di restaurare i giardini ottocenteschi creati da papa Gregorio XVI per un impegno previsto di spesa sui 2 milioni di euro. In attesa della firma ufficiale del contratto, che ci sarà solo tra qualche settimana, tira un sospiro di sollievo il sindaco di Tivoli Marco Vincenzi. «Villa Gregoriana chiusa - dice - costituiva un grave danno per l'immagine turistica della città. Sappiamo che il piano di riqualificazione sarà lungo, probabilmente verrà riaperta ai visitatori l'anno prossimo, ma l'importante è che si siano superati gli scogli burocratici e soprattutto che il giardino ottocentesco venga di nuovo reinserito nel percorso storico artistico tiburtino che comprende Villa Adriana e Villa d'Este». Intanto ai visitatori che si inoltrano fino ai cancelli della Cerentola delle ville tiburtine, non rimane ancora che sbirciare tra le sbarre, dove un cartello scolorito recita che il monumento è chiuso per restauro. E' lì da quando, due anni fa, la cooperativa di pensionati che gestiva il sito dal 1981 decise di "ritirarsi" dall'affare. Erano semplicemente stanchi di sostenere da soli un impegno troppo grande, tra il disinteresse generale. Gli unici ad occuparsi di Villa Gregoriana sono stati i poliziotti del commissariato di Tivoli, che nel 2000 decisero di avviare un'indagine sul bene pubblico. Si scoprì che anche il Demanio si era dimenticato di riscuotere il canone di affitto e venne aperta un'inchiesta dalla Corte dei Conti. Ma alla rinascita di Villa Gregoriana si affiancherà anche una rivoluzione del percorso turistico della città che dall'area circostante Villa d'Este e Villa Adriana coinvolgerà anche il centro storico. Lo ha annunciato il soprintendente ai Beni Ambientali ed Architettonici Costantino Centroni durante la consegna dei premi "Tivoli per il Turismo" organizzata dal Consorzio turistico "Aniene Valley". «Oltre un milione di visitatori all'anno che scelgono di venire a Tivoli sono tanti - ha affermato Centroni - ma sono ancora pochissimi quelli che si spingono fino al Duomo o al quartiere medioevale. Il Comune ha già messo in atto una serie di restauri importanti con il rifacimento di vie e piazze della città medioevale e noi della Soprintendenza ci attiveremo per far svolgere il flusso turistico dal basso verso l'alto, dalla Tivoli antica verso Villa d'Este». Tra i primi nodi da risolvere per mettere in atto il piano c'è lo spostamento dei chioschi di souvenir all'ingresso della villa estense. Verranno "dirottati" lungo il nuovo percorso ed inseriti nel contesto urbano, dove si affaccia anche uno dei cancelli che verrà destinato al deflusso dei visitatori. LA SCHEDA "Paradigma del bello" nelle intenzioni del Pontefice da cui prende il nome, Villa Gregoriana fu edificata da Gregorio XVI nel 1835 sulle rovine della residenza del console romano Manlio Vopisco e su una gigantesca frana causata dallo stranipamento dell'Aniene nel 1826. Nata dall'esigenza di evitare ulteriori alluvioni, unisce l'orrido ottocentesco con un'opera di idraulica in grado di convogliare le acque in una serie di grotte calcaree. Con un ecosistema unico al mondo i giardini terrazzati attraversano una spettacolare deviazione del fiume tra gole, cascate, resti archeologici e natura romantica. E' l'Aniene il protagonista di Villa Gregoriana: la Grande Cascata con oltre 100 metri di dislivello esplode dai cunicoli artificiali. Dello stesso complesso fa parte Ponte Gregoriano, composto da un solo arco con 20 metri di luce da cui è visibile l'acropoli romana con i templi di Vesta e Sibilla. (da Il Messaggero del 19/07/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Tivoli, rinasce Villa Gregoriana" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/