Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Un by-pass per placare la grande sete

 .:Inviato Lunedì, 15 luglio 2002 @ 16:59:11 da titiro
Rassegna Stampa Simbrivio: con un collegamento speciale arriva l’acqua nelle zone della siccità Manca l'acqua e scoppiano le condotte-colabrodo. Nell'area dell'acquedotto del Simbrivio - 60 comuni nel Lazio, di cui 48 in provincia di Roma - si è sempre più in piena emergenza idrica. Il flusso è tagliato del 50% e negli ultimi tre giorni si sono aperte due falle, con decine di comuni rimasti totalmente a secco. Disservizi che hanno aumentato polemiche e proteste. Ieri pomeriggio è stata riparata la rottura nella vecchia tubatura (costruita alla fine degli anni 30) sui monti di Arcinazzo Romano. Il guasto ha creato problemi a Olevano, Cave, Genazzano (dove il Simbrivio ha inviato alcune autobotti), Roiate e Arcinazzo, oltre a Paliano e Serrone, nel Frusinate. Ventimila abitanti, insomma, hanno trascorso un fine settimana da dimenticare. Riparata la falla, il consorzio (mezzo milione di utenti) ha ripristinato l'erogazione dimezzato, che sta mettendo in seria difficoltà un'ampia fetta dell'hinterland romano. I tecnici hanno lavorato 24 ore per completare la riparazione, resa disagevole dall'impossibilità di raggiungere il luogo del guasto con i mezzi: la condotta ha ceduto in alta montagna. I disagi crescono. Ad Arcinazzo la parte alta del paese è rimasta all'asciutto, mentre nelle altre zone l'acqua è arrivata solo grazie a un by-pass che collega con il nuovo acquedotto dell'ente romano. E problemi si sono registrati anche agli Altipiani, che si sta riempiendo di turisti. L’acqua scarseggia e soffrono soprattutto Olevano, Rocca S. Stefano e alcuni centri dei Castelli, oltre alla cronica carenza di Carpineto Romano. In quasi tutti i comuni, però, si applicano i turni ricorrendo a bagnarole e damigiane come ai vecchi tempi. Migliora, invece, il quadro a Segni, dopo che nei giorni scorsi interi quartieri erano rimasti senz'acqua. A Olevano comincia a concretizzarsi il piano d’emergenza che prevede l’uso delle autobotti messe a disposizione dagli imprenditori vinicoli. A complicare tutto nel comprensorio del consorzio del Simbrivio, ora è anche una rete idrica fatiscente e, quindi, da ammodernare. I 25 chilometri del vecchio acquedotto sono da ristrutturare e servono più di dieci milioni di euro. Il progetto esiste, ma da troppi anni è fermo in un cassetto. E adesso le falle non danno tregua. (da Il Messaggero del 15/07/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Un by-pass per placare la grande sete" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/