Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Grande sete, Sos alla Procura

 .:Inviato Giovedì, 04 luglio 2002 @ 10:20:04 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli, rubinetti a secco nei quartieri alti: esposto contro il Comune. Contestato il mancato rispetto dei contratti di fornitura: «I contatori sono attivati dalla pressione dell’aria» Grande Tivoli, la guerra dell'acqua arriva in Procura. Oltre cento cittadini dei quartieri colpiti dall'emergenza idrica hanno firmato un esposto che ieri mattina è stato consegnato ai magistrati del Tribunale di Tivoli. Obiettivo: ravvisare se esistano termini di reato nei confronti dell'amministrazione, "colpevole" , si legge nell'esposto «di non rispettare il contratto di fornitura idrica e di non attivare giornalmente il servizio di autobotti». Ma c'è di più: secondo quanto scritto nella denuncia «ogni qualvolta viene tolto e ristabilito il flusso idrico, l'aria presente nelle tubature fa girare in maniera vorticosa i contatori addetti alla misurazione del consumo». «In poche parole - dice Pietro Bianchi - viene fatturata aria. Abbiamo dei filmati di prova, che a richiesta della Procura verranno esibiti». Intanto per gli abitanti dei quartieri alti della città, che insieme alla zona delle Piagge e dell'Arci sono allacciati all'acquedotto comunale Ronci, ora a secco, una prima "rivolta silenziosa " c'è già stata. Da ottobre soffrono per l'emergenza idrica: l’acqua in alcune case è stata erogata solo per due ore a notte ed in pochissimi hanno pagato le bollette recapitate nei giorni scorsi. Il motivo è semplice: gli utenti hanno sottoscritto un contratto per la fornitura giornaliera che di fatto non è stato rispettato. «Sono accuse infondate - commenta il sindaco di Tivoli Marco Vincenzi - anche perché nel quartiere Braschi il problema dell'acqua è vecchio di anni, e non è dovuto certo a questa amministrazione. L'emergenza idrica è comune in tutta Italia, e quest'anno per la prima volta dal 1961 l'acquedotto Ronci è completamente a secco. Il comune, da subito ha attivato un servizio tampone, con la fornitura continua e su richiesta del servizio autobotti, mentre già da ieri è stato attivato il servizio giornaliero di circa 10 mila litri di acqua potabile certificata nel bottino a monte e l'acqua arriverà direttamente in tutta le case. Ed abbiamo attuato anche dei provvedimenti a lungo termine che saranno operativi entro pochi mesi: il raddoppio delle condutture "incriminate" e soprattutto l'adesione alla gestione diretta dell'Acea attraverso il programma Ato 2 dell'intero acquedotto comunale». Tra i firmatari dell'esposto non c'è il presidente del comitato Braschi, Michele Castelmani: «Il problema dell'acqua è nato con il quartiere ed attendiamo che vengano realizzate le promesse. Stiamo vagliando con alcuni legali tutte le possibilità, ci siamo rivolti al Codacons. Chiediamo che gli interventi tengano conto dell'aumento della popolazione: in trent'anni a Braschi i residenti da poche migliaia sono arrivati a tredicimila. Non è possibile che il comune continui a rilasciare licenze edilizie senza tenere conto dei servizi che è in grado di offrire». «Inoltre - continua - avevamo programmato un incontro con tutta l'amministrazione, compresi i consiglieri. Sabato 29 all'incontro sono venuti solo in due con l'assessore competente, il vicesindaco ed il dirigente del settore» L’'assessore ai servizi Maria Vittoria Pepe punta il dito contro gli sprechi: «Dal prossimo anno scolastico - annuncia - verranno istituiti dei corsi in tutte le scuole mirati all'educazione per il consumo dell'acqua». (da Il Messaggero del 03/07/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Grande sete, Sos alla Procura" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/