Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 «Autobotti, goccia nella crisi»

 .:Inviato Mercoledì, 03 luglio 2002 @ 00:47:02 da titiro
Rassegna Stampa Simbrivio: alla grande sete si aggiunge un deficit di 2,5 milioni di euro. A carico della Provincia le spese per i rifornimenti con le cisterne ma i sindaci giudicano inadeguato l’intervento Unità di crisi della Provincia di Roma per fronteggiare la grave emergenza idrica del Simbrivio, mentre il vice commissario del Consorzio e sindaco di Olevano, Guido Milana, annuncia un "buco" di due milioni e mezzo di euro (circa quattro miliardi e 800 milioni di vecchie lire) dell'ente romano. Insomma, poca acqua e tanti debiti. Una rivelazione accolta con sconcerto dai sindaci riunitisi ieri a Palazzo Valentini per esaminare possibili soluzioni alla lunga siccità, che ha già costretto il Simbrivio a ridurre del 40 % il flusso con disagi in quasi tutti i 48 comuni della provincia serviti dal Consorzio, che ha mezzo milione di utenti. «Sono mesi che studiamo il tutto - afferma Milana -, ma solo pochi giorni fa abbiamo potuto quantificare il buco nel bilancio che è di cinque miliardi di vecchie lire. Una situazione che graverà su tutti i sindaci del comprensorio». In sostanza, dunque, ogni Comune in media ha debiti per poco meno di 50 mila euro. Un quadro finanziario che aumenta ancor più l'incertezza in un ente per troppo tempo lasciato al proprio destino, spesso anche dagli stessi amministratori comunali dei centri che lo compongono. Così adesso, alla carenza d'acqua, si aggiunge un bilancio in rosso, con probabili ripercussioni sui portafogli degli utenti. Intanto, con i conti che non quadrano, al Simbrivio si cerca di trovare una soluzione almeno alla mancanza d'acqua, rimediando agli evidenti ritardi. Ieri alla Provincia è stato firmato un protocollo d'intesa: prevede rifornimenti con autobotti - soluzione ritenuta inutile da molti amministratori cittadini - fino a 225 mila litri al giorno con costi a carico di Palazzo Valentini (ma dove si trovano le cisterne per tutti i comuni e dove prendono l'acqua?) e distribuzione di bottiglie di minerale, soprattutto negli ospedali e nei centri di ricovero. Il tutto in attesa dei lavori per le nuove captazioni,sempre più urgenti, dopo lo stato d'emergenza dichiarato Governo. Il consorzio della Doganella,intanto,rinuncia a 25 dei 50 litri al secondo dal Simbrivio. «La situazione- dice il presidente della Provincia, Silvano Moffa - non è ancora particolarmente critica, anche se ci sono punte di attenzione in alcune zone». A Carpineto Romano,però, gli abitanti hanno il prezioso liquido per tre ore ogni due giorni, mentre tantissimi disagi si registrano anche in altri centri. «L'iniziativa della Provincia è tardiva e insufficiente- attacca il sindaco di Carpineto Quirino Briganti-. L'emergenza è una realtà e le autobotti servono a poco. Si passi subito a captare nuove sorgenti e ai necessari interventi infrastrutturali, se si vuole davvero aiutare le popolazioni. I problemi di oggi - conclude - erano stati previsti da tempo, ma si è arrivati a fine giugno senza un piano efficace». (da Il Messaggero del 02/07/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"«Autobotti, goccia nella crisi»" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/