Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Tivoli, rivolta per la grande sete

 .:Inviato Lunedì, 24 giugno 2002 @ 12:19:18 da titiro
Rassegna Stampa Rubinetti a secco: una delegazione dei quartieri alti assalta il Comune. Duecento persone di Braschi, dell’Empolitana e dell’Arci chiedono risposte certe e minacciano di non pagare le bollette Tivoli, rubinetti a secco, esplode la rivolta degli abitanti dei quartieri alti. Ieri mattina una delegazione di quasi duecento persone ha preso d'assalto il palazzo comunale. Obiettivo: avere risposte certe per risolvere il collasso idrico che ha colpito mezza città. «Procederemo per vie legali - ha anticipato il presidente del comitato di quartiere Braschi Michele Castelmani - ed intanto diversi utenti hanno deciso di non pagare le bollette». «Ci sarà il raddoppio dell'aquedotto ed entro 24 ore verranno prese delle iniziative tampone» hanno assicurato il vicesindaco Daniela Ventura e l'assessore Giuseppe Di Tomassi durante l'incontro con i cittadini. Ed una delle soluzioni immediate potrebbe essere la sospensione alternata del flusso idrico anche nelle altre zone della città. La situazione più drammatica è al quartiere Braschi, abitato da oltre 13 mila utenti: da mesi l'acqua nelle case arriva solo di notte, dalle 2 alle 5. Ma l'emergenza idrica da un paio di mesi è scoppiata anche nella zona dell'Empolitana e dell'Arci. E' stato istituito un servizio di autobotti ma non basta, anche perchè rimane il problema di come far arrivare l'acqua ai piani alti. Colpevole di tutto sarebbe l'acquedotto Ronci, che fornisce l'area in questione e che da mesi sarebbe in completa siccità, ma per i cittadini le cause potrebbero essere diverse. «Ci sentiamo presi in giro - dice Pietro Bianchi - bussiamo da mesi alle porte dei tecnici e dirigenti, ognuno ha una versione diversa. La siccità, una presunta morosità del Comune nei confronti dell'Acea o il by pass dell'acquedotto che non funziona. Il risultato è che l'unica soluzione attuata dal Comune sono stati dei volantini in cui di raccomanda di razionalizzare il consumo». E negli ultimi giorni l'acqua nelle case arriva sempre di meno mentre le ore di erogazione sono diminuite: «Non è possibile - sospira Daniela Farella - spiegare come stiamo vivendo. Di notte mi alzo per riparare l'acqua ed avviare la lavatrice. La mattina la doccia si fa con le bottiglie messe a scaldare al sole sul balcone». A lungo termine l'emergenza si risolverà con il raddoppio delle condutture. E'questo l'impegno dell'amministrazione annunciato ieri dal vicesindaco: «In Giunta abbiamo approvato una delibera per il progetto dell'Acea che verrà finanziato per oltre cinquecent mila euro, ma per ultimare i lavori ci vorranno almeno cinque o sei mesi». Rimane quindi la necessità di come alleviare la grande sete. «Da vent'anni - ha denunciato il consigliere Mariella Di Lorenzi, del gruppo misto - l'acquedotto Ronci causa problemi di siccità. Invece l'amministrazione sembra cadere dalle nuvole». Accantonata l'ipotesi che tutto dipenda dalla morosità del Comune con l'Acea, parola di assessore al Bilancio, ed in attesa del nuovo impianto sono state avanzate alcune possibilità: alternare il flusso idrico tra i diversi quartieri o rifornire direttamente il bottino che serve le zone a secco. (da Il Messaggero del 22/06/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Tivoli, rivolta per la grande sete" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/