Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Simbrivio, l’emergenza cresce

 .:Inviato Lunedì, 17 giugno 2002 @ 15:49:36 da titiro
Rassegna Stampa L’erogazione dell’acqua ridotta del 30%: disagi in 48 comuni. Il Consorzio costretto a ridurre il flusso idrico. Il sindaco di Roiate: «Servono subito risposte concrete» Scoppia l'emergenza idrica al Consorzio del Simbrivio e si annunciano settimane di forti disagi per decine migliaia di utenti in 48 comuni della provincia serviti dall'ente romano. L'erogazione è già ridotta del 30% rispetto ai mille litri al secondo (l'anno scorso, a fine giugno, il flusso era ancora al massimo della portata) in seguito al calo delle sorgenti del Ceraso e di Vallepietra, che fa prevedere un lungo periodo con i rubinetti a secco. Anche perché fino ad oggi non c'è stato alcun intervento per evitare una situazione che rischia di diventare esplosiva. La captazione di nuove sorgenti (da tre decenni non si immette nell'acquedotto del Simbrivio un litro d'acqua in più), peraltro individuate da mesi dal Consorzio idrico, resta inspiegabilmente ferma con il prezioso liquido che continua quindi a perdersi nel fiume Aniene. Perché, nonostante i numerosi appelli e le tante polemiche, non si riescono a costruire pochi chilometri di condotte con un investimento previsto di sei milioni di euro (appena 12 miliardi di vecchie lire, nulla rispetto a tante opere, anche meno importanti, realizzate con finanziamenti regionali e provinciali). L'acqua c'è, ma gli utenti restano senza. I vertici del Simbrivio ribadiscono di avere le mani legate e chiedono di essere messi nella condizione di agire (tutti gli appelli lanciati al Governo sono finora restati lettera morta), mentre si attendono iniziative dei sindaci, che rischiano di ritrovarsi, a breve, a fare i conti con le proteste della gente. In diversi comuni già si segnalano le prime difficoltà (tra chilometri di asfalto e un muro di sostegno i cittadini, non c'è bisogno di sondaggi, sceglierebbero l'acqua), mentre, causa la siccità e il caldo torrido di questi giorni, al Simbrivio si prevedono ulteriori "tagli" all'erogazione, forse già nella prossima settimana. A fine mese,insomma, il flusso potrebbe essere dimezzato e la soluzione delle autobotti non riscuote consensi. «Servono subito risposte concrete - tuona il sindaco di Roiate, Oreste Marocchini - è assurdo che ancora non ci sia una soluzione a un problema così delicato». (da Il Messaggero del 16/06/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Simbrivio, l’emergenza cresce" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/