Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Il “tesoro” di Tivoli era a Parigi

 .:Inviato Martedì, 11 giugno 2002 @ 17:47:37 da titiro
Rassegna Stampa Recuperata la testa di Alessandro Magno rubata negli anni 70 Dal Santuario di Ercole Vincitore di Tivoli fino a Parigi, dove era il pezzo "forte" della collezione privata nella residenza da favola di un americano. La testa marmorea di Alessandro Magno, uno dei reperti trafugati nella metà degli anni settanta nel monumento tiburtino, è stato recuperato dopo anni di indagine dei carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale. Dopo il furto messo a segno a Tivoli il reperto aveva vagato nel mercato clandestino delle opere d'arte rubate ed alla fine era comparso nel negozio di un antiquario di Parigi. Il collezionista americano se ne era innamorato e lo aveva comprato, in buona fede, per qualcosa come 300 mila euro. «Ma in realtà - sottolinea Francesca Adembri, della Soprintendenza archeologica - è difficile stabilire, ora, il valore dell'opera». Insieme alla Triade Capitolina recuperata una decina di anni fa, la testa marmorea del condottiero rappresenta uno delle opere più importanti sottratte dall'area tiburtina, dove l'enorme patrimonio artistico nel corso degli anni è stato oggetto di continue incursioni dei ladri specializzati in opere d'arte. Il Santuario di Ercole Vincitore, da dove il prezioso reperto aveva "preso il volo", è uno dei monumenti più antichi di Tivoli ma mai completamente valorizzato. Dedicato al Dio dei commerci, era situato su un'enorme terrazza. Fu costruito su in epoca repubblicana sui resti di un luogo di culto sicuramente molto più antico, fu poi ristrutturato in epoca di Augusto, che veniva ad amministrarvi la giustizia ed a riscuotere le decime. Vicino c'è il teatro che completava il complesso: è stato ricoperto dopo gli scavi alla fine degli anni ottanta sotto uno stato di pozzolana che lo rende invisibile. Secondo i progetti della Soprintendenza, che ha pronto un piano preciso, il Santuario dovrà diventare un centro museale ed espositivo. Ma dovrà essere raccordato all'area delle cartiere, che rappresentano l'enorme patrimonio di archeologia industriale di Tivoli. Il primo passo è stato fatto, ed è la via degli Stabilimenti, completamente ristrutturata ed inaugurata meno di un mese fa dall'amministrazione comunale. (da Il Messaggero del 11/06/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Il “tesoro” di Tivoli era a Parigi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/