Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Tivoli, allarme furti in corsia

 .:Inviato Venerdì, 31 maggio 2002 @ 17:37:12 da titiro
Rassegna Stampa In ospedale sparisce ogni cosa lasciata incustodita da medici e pazienti. Chiuso ormai da tre mesi il posto di polizia, i vigilantes non riescono a tenere sotto controllo la situazione Ospedale di Tivoli terra di conquista per i malviventi e territorio a rischio per i camici bianchi. Da mesi il posto di polizia è chiuso, tra le corsie continuano i furti a raffica mentre al Pronto soccorso i pochi medici non riescono fare fronte all'assalto dei pazienti meno gravi costretti ad attese di ore. E l'altro giorno gli stessi operatori, preoccupati per la loro incolumità, sono stati costretti a chiedere l'intervento del 113. Sul fronte dei furti, le "mani di velluto" arrivano dovunque. Negli uffici dei primari, negli armadietti dei ricoverati, nelle borse lasciate incustodite per qualche minuto. Basta un attimo di disattenzione e sparisce di tutto. Cellulari, portafogli, ma anche occhiali e telefoni fissi. Gli ultimi blitz sono stati messi a segno nella stanza della caposala del pronto soccorso ed ai danni di un ricoverato del reparto di osservazione. Bottino: un portafogli con 250 euro ed un telefono cellulare. Ma sono anni che per i ladri il San Giovanni Evangelista è come un Luna Park. E le denunce dei furti avvenuti nel presidio tiburtino sono almeno un centinaio solo se si considera quelli raccolti nel fascicolo del commissariato. In ospadale, intanto, continua a prendere il volo ogni cosa che abbia un minimo di valore. I cellulari - uno è scomparso dalla stanza chiusa a chiave di un aiuto di ortopedia - la borse delle addette alla pulizia e dei parenti in visita agli ammalati ed addirittura i vestiti del personale del 118. Al Pronto soccorso il posto di polizia è chiuso da oltre tre mesi per la mancanza di personale ed i vigilantes, unici ad assicurare la sicurezza fuori e dentro il presidio, allargano le braccia. «Il fatto è che ci sono troppi varchi, aperti giorno e notte - dicono - ed i malviventi se non entrano dalla porta principale, riescono ad intrufolarsi nei reparti dalle mille entrate ed uscite. Insomma noi riusciamo a bloccare qualche "personaggio noto", ma di più non possiamo fare». Ed insieme ai furti cresce anche la paura dei medici ed infermieri del Pronto soccorso: sono loro da sempre in prima linea, e specialmente di notte il rischio di aggressioni è sempre in agguato. «Eppure un Dea di primo livello, come il reparto di emergenza di Tivoli, dovrebbe avere una postazione di polizia attiva durante le 24 ore - commenta Vittorio Iannotta, della Federazione Sindacati Indipendenti - per l'incolumità dei medici ma anche dei pazienti. E' una situazione da allarme rosso che va avanti da anni, specialmente nelle giornate in cui al pronto soccorso si riversano centinaia di persone». Attimi di tensione ci sono stati anche l'altro giorno, quando una ventina di pazienti non urgenti, i codici bianchi e gialli secondo il triage che seleziona le priorità d'entrata, hanno quasi aggedito gli operatori, che erano impegnati con le urgenze, per protestare contro i tempi di attesa estenuanti. Ed i medici, per calmare gli animi, hanno dovuto far ricorso all'intervento della polizia. (da Il Messaggero del 31/05/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Tivoli, allarme furti in corsia" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/