Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Tremila firme per i francescani

 .:Inviato Martedì, 07 maggio 2002 @ 14:05:10 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli, l’unico frate rimasto nel convento dovrà trasferirsi entro giugno Continua la "crociata" dei fedeli di Tivoli contro la chiusura del convento francescano della città, annesso alla chiesa di Santa Maria Maggiore. La parrocchia di Santa Croce, che raccoglie oltre tremila abitanti, secondo i progetti dei padri provinciali, dovrà passare di mano. Ed è destinata ad un altro ordine oppure ai preti della diocesi di Tivoli. Ma la comunità religiosa è in rivolta ed ha inziato una battaglia. In meno di una settimana sono state raccolte oltre tremila firme, che verranno inviate al comitato provinciale dell'Ordine, con la richiesta di un incontro urgente. Ed alla protesta dei parrocchiani si è associato anche il sindaco di Tivoli Marco Vincenzi che si è fatto portavoce della preoccupazione dei fedeli presso il vescovo: «I frati francescani sono presenti a Tivoli - dice Vincenzi - da quasi otto secoli. Quel loro convento nel centro città ha rappresentato da sempre un luogo d’incontro per l'intera comunità, soprattutto per i giovani e per le persone in difficoltà: non può esser cancellato con un colpo di spugna». Eppure sembra che sia già stato deciso tutto, anche se i motivi restano oscuri. Padre Nicola, a Tivoli da 21 anni, responsabile della parrocchia di Santa Croce in Santa Maria Maggiore, ma la chiesa è meglio conosciuta come San Francesco, dovrà lasciare il convento entro giugno. E' l'unico frate rimasto a presidiare la casa religiosa e solo di sabato e domenica può contare sull'aiuto di un altro francescano. Insieme celebrano messe, comunioni e matrimoni, ma soprattutto rappresentano il centro di riferimento per oltre trecento persone. Sono i laici fedelissimi delle parrocchia, giovani e meno giovani: i gruppi di preghiera e di missionari, i terziari francescani ed ottanta attivissimi boys scout. «Quello che ci sorprende - commenta Roberto Maria Bernoni, uno dei firmatari della petizione - è che la decisione di chiudere il convento francescano sia stata presa senza mettere al corrente la comunità». «Ma noi - aggiunge - siamo ottimisti: verrà costituito un comitato che non si stancherà di bussare a tutte le porte». (da Il Messaggero del 07/05/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
WELLcHOME@PORTEAPERTE ... WELLcHOMEperPORTIAPERTI

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Tremila firme per i francescani" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/