Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Commando contro le Poste

 .:Inviato Lunedì, 22 aprile 2002 @ 10:16:04 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia, cinque banditi armati svaligiano le casse: 100 mila euro. Sono entrati facendosi scudo dell’autista di un furgone di servizio e immobilizzando impiegati ed utenti Colpo da "professionisti" ieri mattina alle poste di Guidonia. Si tratta della prima rapina messa segno ai danni del nuovo ufficio di via Gambetti, una traversa della centralissima via Roma. Nel bottino, sono finiti cento mila euro pronti per essere messi nelle casse. Cinque uomini di giovane età hanno fatto irruzione poco dopo l'apertura dell'ufficio, intorno alle otto e hanno immobilizzato una trentina di persone, tra impiegati e portalettere. Pochi minuti e, arraffato il bottino, erano già in fuga. Sul posto sono poi intervenuti gli agenti del Commissariato di Tivoli che hanno avviato indagini volte all'individuazione dei responsabili della rapina. Pistole in pugno e volto scoperto, i componenti della banda sono giunti a bordo di una Fiat Uno grigia che dagli accertamenti effettuati dalla polizia è risultata essere stata rubata a Roma, nella zona di San Basilio, qualche mese fa. I malviventi, per entrare nell’ufficio, hanno atteso l'arrivo di un furgoncino delle Poste: non appena ne è sceso il conducente, lo hanno bloccato e preso in ostaggio. Sotto la minaccia delle armi, l'uomo non ha reagito ed è stato costretto ad entrare nell'ufficio, facendo in pratica da scudo ai rapinatori. Una volta dentro, i cinque hanno cominciato ad urlare e a minacciare i dipendenti per farsi consegnare il denaro. Sono stati dei momenti di panico per tutti: uno degli addetti allo sportello, poco dopo l'abbandono dei locali da parte dei rapinatori, è stato colto da un malore e portato all'ospedale di Palombara Sabina per accertamenti. I soldi, custoditi nella cassaforte, sono stati messi dai rapinatori in alcuni sacchi di plastica. Preso il bottino, c'è stata la fuga. Probabilmente due malviventi sono risaliti a bordo della Fiat, mentre il resto è scappato con il furgoncino rimasto davanti all'ufficio. Scattato l'allarme alla polizia, sono stati disposti posti di blocco su tutte le strade della città, in particolare sulla via Tiburtina, su via di Casal Bianco e su tutte le strade limitrofe a via Gambetti. I primi controlli degli agenti hanno consentito il ritrovamento dei mezzi usati dai rapinatori per darsi alla fuga. La Fiat Uno è stata trovata in località Pichini, nei pressi delle cementerie di Guidonia, mentre il camioncino è stato rinvenuto nei pressi della stazione di via Roma. Secondo la polizia, dal modo in cui è stato realizzato il colpo, si desume che gli autori sono dei veri professionisti: troppo precisa la dinamica della rapina, sicuramente studiata nel minimo dettaglio. «Qualcuno aveva uno spiccato accento napoletano», riferiranno alcuni testimoni agli inquirenti. Oltre al modo di parlare, a far ritenere che, probabilmente, non erano rapinatori della zona tiburtina, il fatto che hanno agito a volto completamente scoperto. I locali di via Gambetti, dove gli uffici postali si sono trasferiti sei mesi fa per offrire maggiori spazi agli utenti, sono privi di telecamere. «Sono arrivato alle 8 e 5 - racconta un postino ancora scosso per la rapina - e sono entrato, senza accorgermi di quanto stava accadendo all'interno». «Erano giovani - aggiunge ancora il postino - uno avrà avuto venti anni, un altro trenta, ma nessuno andava oltre i trentacinque, portavano abiti sportivi ed erano piuttosto calmi». (da Il Messaggero del 21/04/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Commando contro le Poste" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/