Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Guidonia nei “clic” del ’30

 .:Inviato Mercoledì, 10 aprile 2002 @ 21:52:21 da titiro
Rassegna Stampa In mostra foto, disegni e sculture sulla fondazione della città dell’aria "I vagiti" delle neonate Guidonia e Pomezia, ma anche dell’area Pontina in una mostra esclusiva che ricostruisce sul nascere gli insediamenti. Si apre ufficialmente oggi a Roma nell’ex convento di San Michele (nell’omonima via al civico 25), ed è visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 10 alle 19, l’inedita mostra sulle città pontine, voluta dall’assessorato regionale alla cultura e allestita con l’aiuto dei comuni interessati, del Touring Club e dell’ex museo Coloniale. Circa 250 reperti tra fotografie originali, disegni, quadri, sculture e guide del Touring Club rigorosamente risalenti al 1930, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le attività culturali, aprono così: "Metafisica costruita", l’esposizione che vuole ricordare le città di fondazione degli anni 1930. «Si tratta - ha spiegato ieri mattina l’architetto Luigi Prisco, alla presentazione - di una importante pagina della nostra storia che ha investito territori prima inesplorati, interessando anche il tessuto sociale perché, da lì, il regime fascista cercava di raggiungere il consenso necessario alla gestione del potere». «Le Città di fondazione - ha ricordato l’Assessore regionale Luigi Ciaramelletti - rappresentano uno sviluppo territoriale ancora oggi innovativo sotto il profilo urbanistico e architettonico e sono un esempio dell’architettura razionalista che non dobbiamo perdere». La tutela di tale patrimonio è infatti legata ad una legge regionale (27 del 2001) nata con l’intento di promuovere progetti e proposte per la conoscenza e la raccolta dei documenti validi per il recupero della identità. Infatti, è tra le intenzioni dello stesso assessorato utilizzare il materiale acquisito, per lo studio di ogni eventuale aggiornamento dei piani regolatori. Un tuffo nel passato quindi che merita di essere visitato, e che ci mostra, tra decine di reperti importanti, come era all’origine la chiesa di Santa Maria di Loreto a Guidonia e il suo piano regolatore insieme a quello di Pomezia e, di entrambi i comuni, fino ai più piccoli dettagli urbanistici e l’evoluzione nei progetti di espansione realizzati anche negli anni immediatamente successivi. (da Il Messaggero del 10/04/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Guidonia nei “clic” del ’30" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/