Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Subiaco, raid di teppisti

 .:Inviato Sabato, 06 aprile 2002 @ 17:14:20 da titiro
Rassegna Stampa Cassonetti bruciati, alberi sradicati e panchine divelte. Misure anti-vandali del Comune: locali chiusi all’una di notte, stop agli alcolici dopo le 22 Vandali notturni ancora in azione a Subiaco: presi di mira, questa volta, anche i luoghi sacri. Nella cittadina non si contano i danni provocati da un branco di devastatori, che si divertono a colpire soprattutto nei week-end. L'elenco delle distruzioni è nutrito: si va dal cestino dei rifiuti al grande cassonetto metallico, passando poi anche ai contenitori per la raccolta differenziata, che vengono puntualmente incendiati. Ma il "lavoro" dei vandali è sistematico: si divertono anche a distruggere panchine di marmo, a sradicare alberi, appena piantati nei viali centrali della cittadina. Le zone interessate dal passaggio dei barbari sono molteplici, dal centro storico all'estrema periferia. Oggetto della loro particolare attenzione è stato, recentemente, il piazzale antistante all'antichissimo monastero benedettino del Sacro Speco. La banda di teppisti, questa volta, ha trasportato, per una cinquantina di metri almeno, due grandi cassonetti metallici, ricolmi di rifiuti, per gettarli poi nel bosco sottostante. Anche la centrale via Cadorna ha goduto della voglia incendiaria dei novelli Attila: bruciati, infatti, alcuni cestini, con il rischio che il fuoco colpisse autovetture ed abitazioni. Non è andata meglio al grande contenitore per la raccolta della carta posto nei pressi dell'ospedale cittadino: è andato completamente in fumo. Le panchine in travertino del giardino di via della Repubblica non sono sfuggite all'attenzione dei devastatori e sono state, ovviamente, distrutte. L'amministrazione comunale ha stimato i danni provocati dai teppisti in oltre 10 mila euro. Il Comune ha presentato regolare denuncia alla locale compagnia dei carabinieri. «Spero di ricevere un concreto aiuto dalla cittadinanza - dichiara il sindaco Francesco Lando - chiunque sia testimone fortuito di qualche azione vandalica, la denunci, rivelando nome e cognome dei responsabili». Alcuni provvedimenti per arginare le scorrerie notturne dei soliti ignoti, peraltro, sono stati adottati da qualche tempo.«Ho già emesso un'ordinanza che stabilisce l'orario di chiusura dei locali pubblici non oltre l'una di notte - continua Lando - con il divieto di vendita di bevande alcoliche oltre le dieci di sera». Il fenomeno teppistico aveva interessato la cittadina anche in passato, circoscritto, però, alla sola zona del palazzo comunale. L'assessore Paolo Sbraga aveva addirittura proposto l'installazione di telecamere a circuito chiuso, per individuare le gesta dei vandali della notte, ma l'idea, poi però, non si è concretizzata. «Per debellare simili azioni, ho chiesto la massima collaborazione dei carabinieri - conclude il sindaco - in quanto l'organico dei vigili urbani è carente e non è certo il caso di ricorrere a vigilanza privata». (da Il Messaggero del 06/04/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Subiaco, raid di teppisti" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/