Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Lapidi rotte e fiori spariti al cimitero

 .:Inviato Sabato, 06 aprile 2002 @ 17:12:52 da titiro
Rassegna Stampa TIVOLI, ABBANDONO E INCURIA Scompaiono vasi fioriti e fiori finti, lumini, peluches. Ma nel cimitero di Tivoli succede di tutto. Anche che le lapidi dei cari estinti vengano letteralmente scardinate dalle tombe. Che lungo i viali dell'eterno riposo di Tivoli ci siano continui blitz vandalici ne sono convinti i visitatori. «Dopo il terzo furto di camelie, in meno di una settimana - racconta Angelina Conti- sulla tomba di mio marito ho dovuto addirittura fissare il vaso con il silicone». «Ma quali furti ed atti vandalici - ribattono i custodi - qui poco prima di Pasqua c'è stata una tromba d'aria. Ed il forte vento ha spazzato via i fiori ed ha addirittura rotto le lapidi che gli operai stanno man mano rimettendo a posto». Insomma, se è un mistero che fine facciano realmente i ricordini ed i fiori che i parenti dei defunti pongono vicino le tombe, rimane una certezza: l'affollamento nella camera mortuaria. Ieri depositate nella piccola stanzetta vicino l'entrata del cimitero c'erano una quarantina di salme in attesa di sepoltura. Tra lo sconforto dei parenti e le proteste degli operatori del settore. «Alle famiglie dei defunti non so più cosa rispondere - dice Cesare Pagnotta, che siu occupa delle inumazioni - sono settimane che dal comune assicurano che il primo lotto dei nuovi fornetti sarà pronto a giorni. Ed intanto le casse di accumulano. Con una lista di attesa di mesi». E mentre gli addetti del cimitero sostengono che da lunedì inizieranno le tumulazioni nella nuova ala in costruzione che ospita 280 loculi, per i familiari continua lo strazio. «Mia madre è morta a gennaio- dice Loredana Cinti - vengo qui e piango. Non ne posso più di vedere che la sua cassa è in quella scaffalatura». (da Il Messaggero del 06/04/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Lapidi rotte e fiori spariti al cimitero" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/