Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Setteville: in piazza per vendere le braccia a giornata

 .:Inviato Giovedì, 28 marzo 2002 @ 16:33:20 da titiro
Rassegna Stampa Una piccola comunità, quasi tutti irregolari, che vive di lavoro alla giornata. Sono i moldavi che vivono sulla via Tiburtina, tra Setteville e la periferia romana.Il centro di incontro è il piazzale del grande centro commerciale che si affaccia sulla statale, ma soprattutto, di mattina presto a decine e solo uomini si danno appuntamento davanti il distributore dell'Agip. Aspettano i "caporali" che li caricano su un furgone per portarli a lavorare nei cantieri romani o dell'hinterland della capitale. Tutto rigorosamente a nero. «Non hanno niente, ma sono brava gente - dice padre Carlo, parroco della chiesa Santa Maria di Setteville - per un certo senso hanno rimpiazzato i rumeni ed i polacchi. Saranno un centinaio, si vedono qui da un paio d’anni, forse meno. Le donne trovano lavoro come cameriere nelle case, mentre gli uomini di adattano a tutto. Fanno i muratori, lavorano generalmente nell'edilizia, si sacrificano per le famiglie che lasciano in patria. E piuttosto di mandare a casa qualche lira dormono in rifugi di fortuna: capannoni industriali abbandonati o case diroccate». Ma è inutile cercare qualcuno che abbia conosciuto Pavel Triboi, il moldavo trovato morto martedì sera sulla via Tiburtina. Ieri i soliti punti di ritrovo erano deserti. Forse la notizie si è sparsa, e loro hanno paura di trovarsi di fronte ai carabinieri che potrebbero farli tornare a casa. Maria dice di essere ucraina, esce dal supermercato con due buste della spesa. Guarda la fotografia della vittima e dopo un attimo di silenzio dice «no, scusa, devo tornare dalla signora» E si allontana a testa bassa. (da Il Messaggero del 28/03/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Setteville: in piazza per vendere le braccia a giornata" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/