Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 SCIOPERO GENERALE di 8 ore martedì 16 Aprile

 .:Inviato Giovedì, 28 marzo 2002 @ 09:41:47 da Roberto
Lavoro e sindacato Roberto scrive "SCIOPERO GENERALE






di 8 ore martedì 16 Aprile contro il governo Berlusconi, il liberismo, la concertazione.






Presidio venerdì 12 aprile a Parma contro la politica della Confindustria.










CUB, CONFEDERAZIONE COBAS, SLAI-COBAS hanno deciso di chiamare i lavoratori di tutte le categorie allo SCIOPERO GENERALE per tutta la giornata di martedì 16 aprile con MANIFESTAZIONI NAZIONALI A ROMA, MILANO E PALERMO contro le politiche antisociali del Governo, la concertazione, e la guerra.






Inoltre in concomitanza con l'assemblea di Confindustria di venerdì 12 aprile i sindacati di base organizzano un Presidio a Parma per protestare contro le proposte del padronato.






Le iniziative di lotta contro le modifiche all'art.18 non bastano se contemporaneamente non si contrasta tutta la politica antisociale del governo, la guerra, e non si abbandona la concertazione che e' stata ed e' la linfa vitale delle politiche liberiste. Rischiano di essere scarsamente convincenti le dichiarazioni e le iniziative di lotta di cgil-cisl-uil contro il governo per le modifiche all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori se contemporaneamente non si abbandona la sciagurata politica concertativa che negli ultimi due mesi ha consentito la firma di contratti a perdere come quelli degli edili, chimici, tessili, gasisti, bancari e soprattutto lo scandaloso accordo generale sul Pubblico impiego e la Scuola del 4 febbraio.






L'affondo di oggi del Governo trova le sue radici nel contesto di precarizzazione del lavoro e dei suoi diritti derivante dalle politiche concertative attuate da cgil cisl uil con i precedenti governi e con il padronato e che ci vengono oggi riproposti e ampliati tramite il cosiddetto libro bianco che punta alla generalizzazione della flessibilità e dei contratti individuali di lavoro.






Più volte abbiamo visto apparati sindacali e politici a corto di consenso stimolare e cavalcare lo scontro sociale semplicemente per rilanciare il loro ruolo, che l'attuale governo tende invece non ad annullare, ma a ridimensionare






E' indispensabile perciò che i lavoratori e le lavoratrici continuino a sostenere gli scioperi e le manifestazioni del sindacalismo di base che propone obiettivi drasticamente alternativi alle politiche antisociali del governo, che si oppone non da oggi alla precarizzazione, alla guerra, allo smantellamento della scuola pubblica, della previdenza e della sanità, allo scippo portato avanti consensualmente da Confindustria e cgil cisl uil - del TFR a favore dei fondi pensione, al disegno di legge anti-immigrati Bossi/Fini, alle privatizzazioni, alla concertazione e che rivendica salari europei, reddito sociale per tutti/e coloro che ne sono privi/e e riduzione generalizzata dell'orario di lavoro.






Le politiche liberiste non sono sostenute solo dal Governo Berlusconi e da Confindustria e richiedono la messa in campo di proposte di contrasto credibili, durature nel tempo e sostenute da organizzazioni non compromesse con tali politiche.






Né dimentichiamo che la stessa Cgil, che oggi lascia intendere che ci sono le condizioni per una spallata, in realtà si appresta a ritornare al tavolo della concertazione.






Ma mentre la lotta del mondo del lavoro si radicalizza e si estende e siamo alla vigilia dello sciopero generale, puntuale e preannunciata, come una macabra cambiale in scadenza, giunge l'assassinio del professor Biagi, che ha già prodotto una campagna forsennata da parte di media e governo che hanno accusato di contiguità con il terrorismo i Cobas e il Sindacalismo di Base, accusa che si è estesa anche alla Cgil.






Il servigio reso dagli omicidi di Biagi al governo Berlusconi è formidabile, come fortissima è la minaccia al movimento dei lavoratori a farsi da parte. Ma i lavoratori non si lasciano intimidire e continuano a scendere in piazza e a mobilitarsi.






Il Sindacalismo di Base ritiene che solo mantenendo la necessaria determinazione anti-concertativa e la chiarezza degli obiettivi da perseguire, nel giorno dello sciopero generale, anche attraverso la realizzazione di manifestazioni alternative a quelle di cgil-cisl-uil a cui invitiamo i disoccupati, gli immigrati, gli studenti e tutto il movimento antiliberista, e' possibile vincere questa grande battaglia contro il governo Berlusconi e la Confindustria per il ritiro delle 4 deleghe su cancellazione dell'art.18 e libro bianco, smantellamento delle pensioni e scippo delle liquidazioni, controriforma Moratti della scuola, controriforma fiscale.










Confederazione Cobas






Confederazione Unitaria di Base






"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Lavoro e sindacato


Articolo più letto relativo a Lavoro e sindacato:
Assunzioni e questione morale

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"SCIOPERO GENERALE di 8 ore martedì 16 Aprile" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/