Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Spacciavano in casa di ciechi

 .:Inviato Mercoledì, 27 marzo 2002 @ 12:21:31 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia, arrestati gli “organizzatori” del laboratorio-mercato. Nella casa di due fratelli non vedenti, ignari, la polizia ha scoperto una centrale per la preparazione delle dosi e lo smercio di cocaina Sfruttavano l'abitazione di due ciechi per spacciare la cocaina e quando i poliziotti hanno fatto irruzione nella casa, i vicini, scambiandoli per ladri, hanno chiamato i carabinieri. Pomeriggio "movimentato" a Collefiorito, dove l'altro ieri gli agenti del commissariato di Tivoli, diretti dal vicequestore Massimo Zanni, hanno arrestato due uomini, entrambi di Guidonia, per detenzione di sostanze stupefacenti a fine di spaccio e sequestrato quasi tre etti di cocaina pronta per essere venduta. Marco Di Terlizzi, 34 anni e Ivano Cirillo, di 32, noto alle forze dell'ordine locali per storie di droga, sono stati portati a Regina Coeli in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto. I due, secondo quanto accertato dalla polizia, avevano allestito un "laboratorio" di droga all'interno della casa dei fratelli di Di Terlizzi che, anche a causa della cecità, non si sarebbero mai accorti di quanto avveniva nel salone dell'abitazione e stupiti per il blitz della polizia, hanno detto di essere completamente estranei alla vicenda. Tanto che Ivano Cirillo, così hanno raccontato agli investigatori, aveva invitato a mangiare una pizza uno dei due fratelli e una volta accompagnatolo a casa, all'insaputa di questo era rimasto lì a tagliare 20 dosi di cocaina. Gli agenti lo hanno sorpreso, poco dopo l'irruzione, nei pressi dell'abitazione. La droga è stata trovata in cucina nascosta nel fondo di un cassetto. Oltre 250 grammi di cocaina, divisi in tre sacchetti di plastica. Accanto, in uno sportello, un bilancino di precisione e alcune buste di nylon utilizzate per il confezionamento delle dosi. Le manette ai polsi di Di Terlizzi sono invece scattate qualche ora più tardi, mentre l'uomo si recava a casa dei suoi fratelli. In tasca, aveva oltre 800 euro, probabile provento dell'attività illegale. Nel corso di una successiva perquisizione, gli agenti hanno trovato tracce di cocaina nella cavità del clacson del suo furgone. La droga e il volante del mezzo sono stati inviati al laboratorio per un'accurata analisi. Il blitz della polizia è stato fatto in pieno pomeriggio, poco dopo le 16 di lunedì. Ironia della sorte, alcuni residenti di Collefiorito, vedendo gli agenti in borghese scavalcare il cancello d'ingresso, hanno pensato che si trattasse di ladri e non hanno esitato a chiamare il 112. Giunti sul posto, i carabinieri ci hanno messo poco a capire che di fronte avevano dei poliziotti e hanno fatto finta di niente per non mandare in fumo l'operazione. Ivano Cirillo e Marco Di Terlizzi verranno processati non appena saranno raccolti ulteriori elementi necessari alle indagini. Dopo aver trascorso la notte nella camera di sicurezza del commissariato di Tivoli, ieri mattina sono stati portati nel carcere di Roma. (da Il Messaggero del 27/03/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Spacciavano in casa di ciechi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/