Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


  Lo Stato paga la baby sitter Ma le italiane non lo sanno

 .:Inviato Sabato, 14 giugno 2014 @ 18:06:17 da Comitato Marco Simone
C. C. Marco Simone Comitato Cittadini Marco Simone e 7Ville Nord
Lo Stato paga la baby sitter Ma le italiane non lo sanno Author: Comitato Cittadini Marco Simone e Setteville Nord


Roba da non crederci. La possibilità di avere 300 euro al mese da spendere per la baby sitter o per l'asilo quando si torna al lavoro dopo la maternità. E le italiane che non ne approfittano. Stupisce davvero quanto successo lo scorso anno con i voucher baby sitter introdotti dalla legge Fornero. Eppure una spiegazione c'è. La solita, purtroppo: burocrazia, poche informazioni, confusione. Il peggio è che questi soldi rischiano di non essere spesi nemmeno quest'anno e l'anno prossimo.
Ma andiamo con ordine. La legge Fornero (numero 92 del 2013), oltre a modificare l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, aveva introdotto un incentivo dedicato...
... alle donne che volevano tornare presto al lavoro dopo la maternità. Avete presente il congedo parentale, cioè i sei mesi pagati al 30% dopo i cinque mesi di assenza obbligatoria per la maternità? Le neomamme che invece di restare a casa con l'assegno dell'Inps tornavano al lavoro, l'anno scorso potevano chiedere dei buoni lavoro per pagare l'asilo o la baby sitter. Valore: 300 euro al mese per sei mesi, in tutto 1.800 euro. La misura era stata finanziata con 20 milioni di euro per il 2013, soldi sufficienti per pagare i voucher a 11 mila donne. Poche, si dirà, rispetto alla platea potenziale. Mica tanto: alla fine sono arrivate meno di 4.000 domande. 3.762 per la precisione. Di conseguenza è stato speso soltanto il 37% dei fondi.
Possibile? Beh, se si vanno a vedere le modalità che consentivano l'accesso ai fondi allora vien da dire che è quasi un miracolo che abbiano risposto in 3.762. La questione è stata sollevata nelle scorse settimane dall'onorevole Pd Vittoria D'Incecco. Il problema è che l'iter per riuscire a ottenere i fondi era troppo complicato e poco pubblicizzato. Ci sono altri 20 milioni stanziati per quest'anno e altrettanti per il 2015. Non possiamo permetterci un altro flop, osserva d'Incecco.
Difficile darle torto. Vediamo allora questi problemi. Primo: gli asili accreditati presso l'Inps dove è possibile spendere i voucher sono una minima parte. Poi la richiesta del contributo andava fatta via Internet. Il tutto attraverso il sito dell'Inps e in un giorno ben preciso: il 28 luglio 2013. Insomma, peggio di una caccia al tesoro. E poi Internet non è una modalità di accesso facile per tutti. Quest'anno ci sarà un nuovo click day? Dovrebbe. Ma al momento non si sa quale sia il giorno da segnare sul calendario. La mia proposta è che prima di incorrere in un altro flop si cambi sistema. Magari passando dal buono lavoro, che richiede un complesso meccanismo di tracciabilità per evitare che vada speso in modo improprio, a un voucher da usare per qualsiasi tipo di lavoro di cura familiare.
Una cosa è certa. Le risorse pubbliche per la conciliazione sono ridotte al lumicino. Non ci si può permettere di sprecare i pochi fondi a disposizione con misure inefficaci.

Fonte: http://27esimaora.corriere.it/


Vai al post originale

News a cura di: Comitato Cittadini Marco Simone

Automated News by. A.L.

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre C. C. Marco Simone


Articolo più letto relativo a C. C. Marco Simone:
GLI 80 ANNI DI GUIDONIA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
" Lo Stato paga la baby sitter Ma le italiane non lo sanno" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/