Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


  Rifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti TmbRifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti Tmb

 .:Inviato Mercoledì, 23 aprile 2014 @ 23:04:18 da Comitato Marco Simone
C. C. Marco Simone Comitato Cittadini Marco Simone e 7Ville Nord
Rifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti TmbRifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti Tmb Author: Romina
Uno

L'emergenza discariche che, a detta del sindaco di Roma Marino, rischierebbe di portare alla paralisi della raccolta rifiuti dal 22 maggio potrebbe essere risolta con un decreto ad hoc: una semplice modifica al codice dell'Ambiente. E' questa la via d'uscita al rebus ciclo dei rifiuti nella Capitale che il ministero dell'Ambiente ha individuato per consentire l'ormai improcrastinabile requisizione dei due impianti di Trattamento meccanico e biologico (Tmb) entrambi di proprietà della Co.la.ri. di Manlio Cerroni e per questo sosttoposti a sequestro dal prefetto di Roma...
... nell'ambito dell'inchiesta sul patron di Malagrotta. Grazie ad un'ordinanza del primo cittadino di Roma ai camion dell'Ama è permesso portare ogni giorno negli impianti di Trattamento meccanico e biologico (Tmb) circa 1.500 tonnellate di immondizia, 1.300 delle quali prodotte dai romani. Una quantità analoga viene trattata nei Tmb dell'Ama a Rocca Cencia. Altre 600 tonnellate circa al giorno finiscono nel vicino tritovagliatore mentre gli scarti della lavorazione, poi, vengono trasportati in alcune discariche del Nord Italia.
Tuttavia il provvedimento del prefetto impedisce alle società proprietaria dei Tmb coinvolti nell'inchiesta di contrarre rapporti con società pubbliche. L'ordinanza del Comune che bypassa l'ostacolo legale non è reiterabile, quindi a fine maggio - salvo un improbabile dissequestro - i Tmb e il tritovagliatore non sarebbero più utilizzabili e si rischia l'emergenza. Per questo motivo il ministero dell'Ambiente studia la requisizione degli impianti.
L'escamotage trovato dal ministro per evitare conseguenze disastrose per Roma, pur senza nominare quel commissario richiesto sia da Marino sia da Zingaretti, consiste nell'apportare una modifica all'articolo 191 del decreto legislativo 152 del 2006 (il cosiddetto codice dell'Ambiente). In virtù di quell'articolo già adesso i governatori, i presidenti della Province e i sindaci qualora si verifichino situazioni di eccezionale e urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente, e non si possa altrimenti provvedere, possono emettere ordinanze contingibili e urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, garantendo un elevato livello di tutela della salute e dell'ambiente. Questi provvedimenti hanno efficacia per un periodo non superiore a sei mesi e non possono essere reiterati per più di due volte. Con la variazione in arrivo, ai poteri degli enti locali verrà aggiunto il potere di requisizione.
La novità sarà contenuta in un decreto legge del ministro Galletti (attualmente al vaglio del dipartimento affari giuridici di Palazzo Chigi) di più ampia portata, che riguarderà settori diversi come la difesa del suolo, le aree protette e la valutazione di impatto ambientale e che potrebbe essere approvato già nel prossimo Consiglio dei ministri. Nel caso in cui la norma passasse, in caso di necessità Zingaretti o Marino potrebbero requisire i tre impianti in questione e affidarli a un soggetto (Ama ad esempio) che a quel punto dovrebbe provvedere alla gestione (pagare stipendi ai dipendenti e manutenzione) e liquidare un indennizzo ai titolari per l'uso, magari accantonando queste somme su un conto blindato in attesa che la giustizia  faccia il suo corso. Sulla soluzione pende tuttavia la pronuncia del Tar, martedi' 29 aprile: se il tribunale accettasse di concedere la sospensiva richiesta da Colari sia sull'interdittiva del prefetto Pecoraro che sull'ordinanza di Marino, tutto verrebbe rimesso in discussione.

Fonte: http://roma.corriere.it/


Vai al post originale

News a cura di: Comitato Cittadini Marco Simone

Automated News by. A.L.

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre C. C. Marco Simone


Articolo più letto relativo a C. C. Marco Simone:
GLI 80 ANNI DI GUIDONIA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
" Rifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti TmbRifiuti, modifica alla legge 152 consentirà di requisire impianti Tmb" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/