Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Marito-padrone condannato

 .:Inviato Giovedì, 07 marzo 2002 @ 17:39:57 da titiro
Rassegna Stampa Marcellina: picchia e rapina la moglie, poi minaccia anche la figlia. Ennesimo episodio in una storia di maltrattamenti e violenza in un matrimonio. L’uomo arrestato è già tornato in libertà. Una storia di maltrattamenti e violenza lunga vent'anni di matrimonio. Corredati da una sfilza di denunce contro un marito-padrone. Due giorni fa l'ultimo episodio: Pietro Tozzi, 45 anni, di Marcellina, per gelosia ha rapinato e malmenato la moglie, le ha bruciato tutti i vestiti e ha minacciato la figlia che per scappare dalle ire del padre si è lanciata fuori la finestra fratturandosi una caviglia. Infine è stato arrestato dagli uomini del commissariato. Ma è già tornato in libertà: nel processo per direttissima che si è tenuto ieri mattina al Tribunale di Tivoli è stato condannato a dieci mesi e venti giorni di reclusione con la pena sospesa per i reati di maltrattamenti in famiglia ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni. E' libero a tutti gli effetti. Ed è già tornato a casa. Dopo la sentenza la moglie e la figlia diciannovenne si sono rifugiate presso alcuni amici. Lontano dall'appartamento, appena fuori il paese, dove spesso nel corso degli anni sono dovuti intervenire carabinieri e polizia per le continue liti in famiglia, e dalle botte e le minacce che l'uomo, disoccupato con un lavoro saltuario come manovale, riservava alla sua donna. Lei, la vittima, è terrorizzata. Ieri mattina è stata convocata come parte lesa nel processo. Ha ancora sul viso i segni dei pugni del marito: secondo i medici del pronto soccorso guarirà in dieci giorni. «Vi prego, lasciatemi stare» dice con un filo di voce. Poi scoppia a piangere. L'ultimo episodio di violenza si è scatenato dopo un inseguimento che Tozzi aveva organizzato per "controllare" sua moglie, colpevole di andare a lavorare in un grande supermercato. E quando la donna, che stava tornando a Marcellina in macchina, ha ricevuto una telefonata sul cellulare si è scatenato il putiferio. Il marito è sceso dalla sua auto ed ha cominciato a colpirla con pugni e calci. Poi le ha tolto le chiavi dal cruscotto e le ha preso il cellulare e la borsa. Lei è riuscita a raggiungere a piedi un telefono ed ha pregato la figlia di portarla presso dei parenti. E quando la ragazza è tornata a casa per prendere alcuni vestiti della madre l’uomo era già lì. Intento a bruciare tutti gli abiti della donna. Si è scagliato anche contro la ragazza che per mettersi in salvo si è lanciata da una finestra dell'appartamento al primo piano. Ma è caduta male e si è fratturata un piede. Le indagini dei poliziotti di Tivoli, coordinati dal vicequestore Massimo Zanni, sono scattate subito. L'altro ieri, dopo alcune ore di ricerche, Tozzi è stato rintracciato sulla via Maremmana, mentre stava tornando tranquillamente a casa con la sua auto. Agli agenti che gli contestavano una sfilza di reati - violenza privata e maltrattamenti in famiglia, percosse ed ingiurie, a cui si sono aggiunte le denunce per danneggiamenti e rapina - ha detto candidamente: «Non so niente. Perchè, cosa è successo?». (Il Messaggero del 07/03/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Marito-padrone condannato" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/