Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 ôSapete come mi raccontano? Vocabolario dello stigma e della pietÓö

 .:Inviato Lunedý, 08 luglio 2013 @ 23:52:03 da homotenuis
Alternata Visioni Sociali


Visioni Sociali: Archivio Italiano del Cinema della Cooperazione e del Lavoro Sociale, per il terzo anno consecutivo torna a L’Isola del Cinema nello spazio del Caffè Letterario e/o Estate (Schermo Tevere), proponendo la 2° edizione della rassegna Immagini e Parole dal Quotidiano. Cinque incontri, tutti i martedì dal 25 giugno al 23 luglio alle ore 21.30, dedicati a produzioni audiovisive e proposte letterarie per raccontare schegge di vita reale attraverso il cinema e la letteratura.


L’incontro del 9 luglio nasce da una lunga e proficua collaborazione tra Visioni Sociali e Fish (Federazione italiana superamento handicap). “Sapete come mi raccontano? Vocabolario dello stigma e della pietà” è il titolo di questo appuntamento dedicato ad una riflessione sul rapporto tra comunicazione e disabilità. Un argomento scottante che coinvolge non solo i linguaggi e le prassi dei media, tendenzialmente inattendibili quando si occupano di faccende sociali, ma la cultura di un intero Paese incline, soprattutto nei confronti delle disabilità, ad un atteggiamento pietistico che tende a stigmatizzare, un modello che affascina anche la letteratura e il cinema.

Comunicare, raccontare correttamente significa, per esempio, creare degli spazi di riflessione intorno al tema dei diritti delle persone con disabilità, troppo facilmente percepiti come una concessione sociale, se non come privilegio.

Il sociale sempre più sente la necessità di raccontarsi e di raccontare il mondo visto dal basso, di sfruttare le risorse che la tecnologia mette a disposizione per trovarsi uno spazio di comunicazione autogestito che si confronti con la comunicazione di massa. Negli ultimi tempi molti sono i canali che si sono aperti, per citarne alcuni: Visioni Sociali, il quotidiano online della Legacoopsociali nelpaese.it, il giornaleradio sociale, le Edizioni dell’Asino, Redattore Sociale, fino ai blog e ai concorsi a tema.

La Fish ha realizzato due edizioni di “Sapete come mi trattano?” concorso dedicato al tema delle discriminazioni e dei diritti delle persone con disabilità, ed è in procinto di lanciare la terza edizione. Proprio dall’archivio di questo concorso sono stati scelti alcuni video che saranno di stimolo alla discussione.

Intervengono Goffredo Fofi (Direttore della Rivista "Lo Straniero", Critico letterario e cinematografico), Pietro Vittorio Barbieri (Presidente FISH), Nicola Zanardi (Hublab), Matteo Schianchi (Storico), Giampiero Griffo (DPI - Disabled Peoples’ International), Enzo Berardi (Responsabile del progetto Visioni Sociali).

 

La direzione artistica della rassegna è affidata a Enzo Berardi, collaborano Stefano Cignitti, Francesca Cutillo, Emanuele Petrella, Marta Porco.

Il Giornale Radio Sociale è media partner della manifestazione.

 

 Info: www.visionisociali.it

facebook “visioni sociali”; 

tel +393938621701


 

IMMAGINI E PAROLE DAL QUOTIDIANO

9 luglio ore 21.30

 

FISH & VISIONI SOCIALI

comunicare la disabilità

proiezioni dall’archivio del Premio SAPETE COME MI TRATTANO?

SAPETE COME MI RACCONTANO?

vocabolario dello stigma e della pietà

intervengono Goffredo Fofi, Pietro Barbieri, Nicola Zanardi,

Matteo Schianchi, Giampiero Griffo, Enzo Berardi


Il Progetto VISIONI SOCIALI

Il 1 Aprile 2011, presso l’Istituto Centrale dei Beni Sonori e Audiovisivi di Roma, con il convegno “Audiovisivo e Lavoro Sociale: possibili sinergie”, nasce ufficialmente Visioni Sociali: Archivio Italiano del Cinema della Cooperazione e del Lavoro Sociale, un progetto ideato e promosso dalla Legacoopsociali Lazio e dalla Cooperativa Sociale Idea Prisma 82, entrambe da anni attente agli sviluppi costanti che interessano le trasformazioni del lavoro sociale. Un’attenzione che nel tempo ha visto una crescita d’impegno nella consapevolezza di una sempre maggiore necessità di integrare tecnologie e attività del terzo settore. Infatti lo sviluppo tecnologico degli ultimi decenni ha favorito la diffusione di strumenti che prima erano economicamente inaccessibili ai più, assecondando l’accesso alle tecnologie della produzione audiovisiva. Grazie a questo processo da alcuni anni il video è entrato a far parte della “cassetta degli attrezzi” della cooperazione e del lavoro sociale.

Il fulcro del progetto Visioni Sociali, di cui è responsabile Enzo Berardi, è appunto la creazione di un Archivio Italiano del Cinema della Cooperazione e del Lavoro Sociale, al fine di raccogliere le produzioni che molte cooperative, ma anche altri enti impegnati nel sociale, hanno realizzato e realizzeranno, con lo scopo di catalogarle e renderle accessibili, promovendole attraverso l’organizzazione di rassegne, festival e premi, ma anche creando sinergie con altre realtà della promozione sociale e culturale, al fine di dar loro un’adeguata visibilità. A garanzia del progetto si è costituito un Comitato Scientifico che tra i suoi compiti principali ha quello di promuovere un Centro Studi che si occupi del rapporto tra sociale, tecnologie, comunicazione e linguaggi artistici. Grazie al Corso di Formazione “ImmaginAzione: uso e gestione degli strumenti tecnologici per la produzione e la distribuzione digitale dell’audiovisivo” promosso da Visioni Sociali, realizzato in collaborazione con Service Lazio 2000 e grazie ad un finanziamento della Camera di Commercio di Roma, e nato il Centro di Produzione Visioni Sociali produzioni, previsto dal progetto. Al Centro collaborano i dieci allievi formati, quattro operatori sociali e sei persone con disagio mentale. Visioni Sociali produzioni intende diventare un punto di riferimento produttivo e formativo per le imprese sociali.

Intorno al progetto si sta costituendo una rete di strutture che, avendo come punto centrale le cooperative sociali, invita associazioni, scuole, università e tutti coloro che vogliono aderire, a dare il proprio contributo. Al momento hanno aderito al progetto l’Istituto Centrale dei Beni Sonori ed Audiovisivi e la Fish (federazione italiana per il superamento del’handicap).

 

Visioni Sociali:

da tre anni è ospite con la sua rassegna “Immagini e Parole dal Quotidiano” a L’Isola del Cinema, storica manifestazione dell’Estate Romana che si svolge nella suggestiva cornice dell’Isola Tiberina.  Ha inoltre organizzato altre cinque rassegne a Roma e nel Lazio.

è tra gli animatori del progetto “Gli Incontri di Filo Continuo IninterrottaMente”, che attraverso il cinema coglie spunti per riflettere intorno ai temi del disagio mentale e sociale.

 

collabora al Premio “Sapete come mi trattano?”, ideato ed organizzato dalla Fish, dedicato alle questioni dei diritti e dell’inclusione nelle disabilità. Con la Fish è impegnato anche in altri progetti.

 

È tra i fondatori di nelpaese.it, organo di informazione on line della Legacoopsociali, per il quale è anche referente per gli audiovisivi; realizza e produce “il venerdì nelpaese.it”, videoeditoriale settimanale.


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Alternata


Articolo più letto relativo a Alternata:
NOI PRIMA PERSONA PLURALE ... INTERAZIONI!

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 4.66
Voti: 3


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"ôSapete come mi raccontano? Vocabolario dello stigma e della pietÓö" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/