Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Evviva Monti

 .:Inviato Lunedì, 30 gennaio 2012 @ 09:37:17 da ortodeifrati
Rassegna Stampa

Siamo sicuri che Monti sia l'Uomo della provvidenza?

ROMA - La reazione al Berlusconismo ha ormai generato una sorta di miopia verso quella che sta accadendo in Italia, ed è individuabile nella "non reazione" a quanto sta producendo questo governo. Per molti conta ancora quello che possono dire o fare il Cavaliere e i suoi adepti, quando le stesse cose, in forma più "elegante" e per giunta non ostacolata neppure dalle forze politiche che al tempo erano all'opposizione, vengono portate avanti da Monti e Compagnia.  Abbiamo più volte descritto il quadro dentro al quale si svolge il siparietto tra Lega e PDl, a dimostrazione che i rapporti di forza tra le compagini politiche sono mutati e non per puro caso. "B" è stato richiamato all'ordine da qualcosa e qualcuno molto più "grosso" di lui, e non teme più le bizze dell'istrionico alleato seguace dei pensieri onirici sull'indipendenza della Padania. I Due sono ormai su posizioni diverse, e suona soltanto ridicolo parlarne. Non saranno né Bossi né Berlusconi a cambiare il destino dell'Italia. Sono ovviamente d'accordo che l'abbiano già messo a dura prova in tutti questi anni, ma rimanere fermi a quelle immagini sarebbe davvero un suicidio politico e sociale.

Monti in un certo senso beneficia di tutto questo, e può condurre il gioco a suo piacimento. Sui social network più frequentati si legge di tutto; vengono riportate le varie esperienze e si parla molto di quelli che vedono l'attuale Premier come la "Persona seria" che è venuto al capezzale del paese per ridargli speranza. Bene, se così fosse c'è da chiedersi il motivo per il quale l'Italia è paralizzata ogni giorno da proteste, scioperi, battute d'arresto che ne impediscono la vita e men che meno la ripresa. Forse gli italiani sono impazziti all'improvviso?? Suvvia, non mostriamoci ridicoli! Persino i sindacati hanno ritrovato l'unità d'azione e la sinergia d'intenti, cosa che non avevano mai fatto durante la gestione Berlusconi. I numeri probabilmente riescono a tener lontani i Cittadini, ma le conseguenze e l'impatto sul sociale sono drammatiche! Forse ci siamo dimenticati quando veniva (giustamente) criticato Tremonti ogni qualvolta parlava di vendere pezzi di patrimonio storico e artistico, quando siamo arrivati al punto che oggi sono le stesse amministrazioni locali a svendere i gioielli di famiglia nel silenzio di un paese distante e impotente.

Gli esempi sono già cronaca, con Miuccia Prada che acquista Ca' Corner della Regina, luogo pregiato lungo il Canal Grande, pezzo storico e artistico che ha portato nelle casse del Comune di Venezia ben 40 milioni di euro! Oltre all'immagine vergognosa che ne viene fuori, dove la "bellezza pubblica" della Nostra Italia viene commercializzata e data in uso ai privati, risalta la stessa metodica che è stata adottata dal governo Monti con la "manovra": tutto quello che è stato fatto non è servito per ricostruire e rilanciare l'Italia ma per coprire un debito (fatto poi da chi, non è dato sapere!). Analogamente il comune veneziano ha ripianato i propri debiti e niente di più. Dove vanno e per quali scopi sono destinati questi soldi? Verranno impiegati nel sociale? O nel rilancio di attività produttive? Nessuno sogni e s'illuda, niente di tutto! Nell'Italia di Monti c'è spazio per altri esempi, come quello dell'Ospedale Vecchio di Parma (anno 1476) andato in larga parte in mano al privato che beneficerà dell'affidamento di questo "pezzo di storia dell'Arte", per 29 anni. Altrettanto per l'Ospedale di San Giovanni di Dio, che l'Asl di Firenze ha venduto ad una società privata. Idem come sopra: l'Asl fiorentina non impiegherà i proventi della vendita per investirli in qualcosa che possa "rendere" o aprire nuove prospettive ma solo per fare cassa!! La lista si allunga: sempre a Firenze è la volta di Palazzo San Clemente (1568); a Pisa, con l'Ospedale dei Trovatelli,a Priverno (nel Lazio) con l'antica foresteria dell'Abbazia in cui è morto san Tommaso d'Aquino, a Carditello (in Campania) con una delle residenze preferite da Carlo di Borbone.

Da tutto questo si evince solo una cosa, l'inutilità di manovre e sacrifici chiesti al Cittadino Italiano che oltre a non aver colmato neppure minimamente la regressione economica in corso, va ad intaccare persino il Nostro patrimonio culturale facendolo regredire di secoli. L'immagine è quella di un progressivo indietreggiamento verso una linea del Piave che non ha neppure limiti ben definiti; dove la deregulation incrementata con le liberalizzazioni incoraggia a servirsi di ogni mezzo pur di salvarsi dalla scure di un governo che si è pian piano trovato contro l'ira dei pescatori (PESCATORI e non lobby di altro genere!!) venuta dopo quella dei commercianti, degli operai della componentistica, di quelli della siderurgia e di molti altri indotti, degli agricoltori, dei tassisti, degli autotrasportatori e molto altro ancora. Ed ora ditemi, a chi piace, ed in base a cosa può riscuotere fiducia e consensi un governo che nei fatti taglia e si mette contro quasi tutte le categorie sociali del paese??  E soprattutto, perché a farne le spese sono ancora quelle meno forti, quelle che nel tempo sono state maggiormente esposte a sacrifici??  Non è con le cariche delle Forze dell'ordine che si risolvono queste problematiche! I "Tecnici" lascino spazio e posto a chi propone politiche sociali adeguate. Non serve saper tirare le somme se poi non si riesce a tradurle in una risposta sociale che si leva da ogni parte del paese.
Sì, è vero che le parole di un Berlusconi che parla di responsabilità nel sostenere Monti suonano oltre che ridicole anche indisponenti, ma occorre capire che ancora una volta è il primo a voler fregare il Cittadino italiano. Chi crede che dia il suo sostegno senza beneficiare di un ritorno cade ancora nella sua trappola. Il Premier in carica rispetto a Lui è un vero e proprio Terminator.

Fonte: sito web Dazebao


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Evviva Monti" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/