Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Lavoro nero, multe e sequestri

 .:Inviato Domenica, 17 febbraio 2002 @ 13:08:06 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli, sotto tiro una tipografia e il cantiere dei parcheggi Controlli a tappeto, sequestri, denunce. Dopo la morte dell'operaio nella cava di travertino, scatta nell'area tiburtina l'operazione "lavoro sicuro". In una grande tipografia di Bagni di Tivoli i carabinieri hanno trovato 23 operai che lavoravano a nero, tra i quali cinque extracomunitari senza permesso di soggiorno. La rappresente legare della srl, una bulgara di 38 anni è stata denunciata. E qualche giorno fa sono scattati i sigilli anche nel parcheggio comunale in costruzione sul greto del fiume Aniene in via Roma a Tivoli. Motivo: sarebbero state rilevate delle inadempienze sulla sicurezza dei lavoratori. Il responsabile delle società "Arturo Noviello" che ha vinto la gara d'appalto bandita dal Comune, è stato multato per alcune centinaia di euro e, contemporaneamente il mega-cantiere in cui si stanno realizzando quattrocento posti auto è stato sequestrato. «Ci hanno assicurato - spiega l'assessore ai Lavori pubblici Davide Carrarini - che all'inizio della prossima settimana potrà riaprire. Il provvedimento di dissequestro è già stato firmato in Procura e deve solo essere notificato». I controlli nei capannoni della "Kemygraf" a Bagni di Tivoli, una delle tipografie più importanti della zona con oltre cento addetti, sono invece iniziati l'altro ieri, e dopo la scoperta che 18 operai lavoravano illegalmente, così come 5 extracomunitari, sono scattati i provvedimenti. Il primo riguarda il reato di favoreggiamento dell' immigrazione clandestina. I carabinieri l'hanno notificato alla rapprsentante legale della srl, mentre sono ancora in corso le verifiche da parte dell'ispettorato sulle posizioni contrattuali di tutti gli operai. «Finalmente, dopo le promesse i fatti - commenta il sindacalista Domenico Petrocchi della Fillea Cgil - se parliamo di lavoro nero, tutti sanno che soprattutto nelle piccole e medie aziende è l'unica possibilità di impiego per quasi il 50 per cento degli addetti. E non è una novità che gli immigrati clandestini vengono impiegati in tutti i settori. Sulla sicurezza, poi, specialmente nell'edile, sono mesi che denunciamo una situazione da Terzo mondo. Ma bisognerebbe domandarsi fino ad oggi che cosa è stato fatto. E dove erano gli ispettori e le forze dell'ordine che ora stanno operando con estrema solerzia». (da Il Messaggero del 16/02/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Lavoro nero, multe e sequestri" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/