Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Terremoto, polemica per i lavori

 .:Inviato Giovedì, 14 febbraio 2002 @ 21:24:07 da titiro
Rassegna Stampa In alto mare la seconda fase della ricostruzione: protestano i sindaci Proteste dei sindaci della Valle dell’Aniene per la ricostruzione dei paesi colpiti dal sisma del 2000. A due anni di distanza dal terremoto dell’11 marzo, è polemica per il mancato avvio della seconda fase dei lavori, che prevede la sistemazione di decine di edifici. La prima fascia di interventi, partita già da qualche mese, ha riguardato le abitazioni danneggiate dei residenti. «Molti altri cittadini, però - dichiara il sindaco di Gerano, Giorgio Fubelli- hanno identica urgenza e invece sono rimasti fuori dal primo intervento. La seconda tranche dei lavori doveva iniziare a gennaio, ma purtroppo è ancora tutto in alto mare». Nei quattro comuni maggiormente colpiti dal sisma (Canterano, Cerreto, Gerano e Rocca Canterano), i danni si aggirano intorno agli 80 miliardi e le costruzioni danneggiate sono oltre 500. «Ho chiesto più volte all’assessorato alla Protezione civile della Regione - dichiara Domenico Picconi, sindaco di Rocca- il motivo di questo ritardo, ma non ho ancora avuto risposta: rischiamo di perdere i mesi primaverili ed estivi, che sono i migliori per intervenire». Sulla stessa lunghezza d’onda, Pietro Segatori, sindaco di Canterano: «Il problema riguarda proprio i tempi: si rischia di allungarli, lasciando cantieri aperti e case pericolanti». Esce dal coro della protesta, invece, il sindaco di Cerreto Laziale: «La seconda fase della ricostruzione — ribatte Giovanni Zuccari — riguarda le abitazioni dei cittadini non residenti, che, quindi, hanno meno urgenza. I piccoli centri storici, poi, potrebbero soffrire a causa dei tanti cantieri, se tutti i lavori iniziassero in contemporanea». Dagli uffici della Protezione civile della Regione, intanto, fanno sapere che, entro marzo, si procederà all’accensione dei mutui, per avere i necessari finanziamenti per la seconda fase della ricostruzione, che ammonteranno a circa 25 miliardi. Un altro problema riguarda l’aspetto fiscale, «I cittadini interessati alla ricostruzione - spiega Carlo Proietti, consigliere comunale di Gerano - rischiano di pagare di tasca propria esosi contributi Iva, sia sulle fatture dei lavori che sulle parcelle dei tecnici, che poi non verranno rimborsati». (da Il Messaggero del 14/02/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Terremoto, polemica per i lavori" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/