Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Controlli nelle cave: trovate molte situazioni a rischio

 .:Inviato Mercoledì, 13 febbraio 2002 @ 16:21:22 da titiro
Rassegna Stampa Controlli a tutto campo nelle cave di travertino di Tivoli e Guidonia, mentre accuse e polemiche continuano a susseguirsi dopo il tragico incidente avvenuto in una cava di Villalba la scorsa settimana. Polemiche di cui si è avuta una forte eco, ieri mattina, anche nell’audizione della commissione regionale sul problema della sicurezza e la prevenzione suoi luoghi di lavoro, alla quale hanno partecipato le rappresentanze di Cgil, Cisl, Uil e la Asl. «La Regione è in ritardo sull'approvazione del piano sulle attività estrattive - ha dichiarato in particolare il consigliere diessino Carlo Lucherini - I Ds chiedono che la Giunta faccia pressione sui Comuni di Guidonia e Tivoli per l'immediata approvazione del piano stralcio sul travertino». Le ispezioni e controlli di ieri - sollecitati dall'assessore alle attività produttive Saponaro - sono stati eseguiti dalla polizia mineraria, in collaborazione con i volontari della Protezione civile di Guidonia. Diverse infrazioni sono state rilevate sul piano della prevenzione e sicurezza, ma non risultano provvedimenti di chiusura d’ufficio: solo sanzioni amministrative. Ma anche sulle ispezioni c’è polemica: «Le garanzie offerte da Saponaro sull'aumento degli ispettori di polizia mineraria - dicono i gruppi di opposizione alla Pisana - sono del tutto insufficienti. La vera questione è che la vigilanza sulle cave deve passare alle Asl, così come ha fatto la Toscana». GLI IMPRENDITORI: Un duro attacco alla Regione e alle amministrazioni comunali di Tivoli e Guidonia arriva anche dal “Settore del travertino tiburtino", a sua volta nel mirino di accuse lanciate da sindacati e istituzioni. Non ci stanno al ruolo di imputato e ci tengono a sottolineare che da sempre il settore si regge sulle proprie gambe. «Chiediamoci perché - dice Filippo Lippiello, Presidente del Centro per la valorizzazione del travertino - non è ancora esecutivo il protocollo d'intesa promosso dall'organismo paritetico territoriale e dall'Ispettorato del lavoro e perché tutte le iniziative destinate al miglioramento della prevenzione infortunistica provengono quasi esclusivamente dalle associazioni imprenditoriali o dai sindacati di categoria». (da Il Messaggero del 13/02/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Controlli nelle cave: trovate molte situazioni a rischio" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/