Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Altri controlli per la brucellosi

 .:Inviato Martedì, 12 febbraio 2002 @ 15:54:39 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia: test rapidi sugli allevamenti confinanti con il gregge contagiato. Intensificati i controlli dell'Asl Rm G nell'area di Guidonia per accertare se la brucellosi ha contagiato altri ovini. In questi giorni il Servizio veterinario del Distretto sanitario di via Gualandi è impegnato ad effettuare test rapidi sui capi appartenenti ad allevamenti confinanti con quello contagiato dal batterio. Ieri mattina 292 sono state le pecore sottoposte a prelievi del sangue. Gli esami sono stati inviati all'Istituto zooprofilattico Lazio e Toscana di via Appia, che fra oggi e domani comunicherà anche gli esiti dei test eseguiti sulle oltre mille pecore del gregge infettato dalla brucellosi. Intanto sempre ieri mattina, i veterinari hanno appreso una buona notizia e cioè che 24 montoni di un altro allevamento di Guidonia non sono risultati positivi all'indagine sierologica. Nei prossimi giorni nuovi controlli saranno fatti su altri greggi e allevamenti. «Gli esami non si limiteranno soltanto alle pecore ed ai montoni - spiega Stefano Garamiello, responsabile della Sanità animali dell'Asl Rm G - perché la brucellosi può contagiare anche i bovini». Le previsioni degli esperti non sono comunque rosee ed il maggior timore è che la brucellosi si sia estesa a gran parte delle 1200 pecore appartenenti al gregge dove si è manifestata la malattia, colpendo 22 montoni. Non si sbilanciano e attendono il responso definitivo degli esami, ma sembra che tra molti di essi ci sia un'alta positività, considerato che il batterio si diffonde, soprattutto, per via sessuale e via alimentare. «Se gli animali dovessero risultare contagiati - dice Giuseppe Muratore, responsabile del Servizio igiene alimenti dell'Asl - verrà convocato un summit tra la Regione, l'Asl e l'Istituto zooprofilattico per concertare l'attività futura». «Si tratta - aggiunge Garamilello - di una malattia che deve essere ben curata con farmaci particolari, altrimenti può causare, in extremis, anche problemi cardiaci». E moltissimi sono i veterinari contagiati dalla brucellosi, tanto da essere definita una malattia professionale. (da Il Messaggero del 27/02/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Altri controlli per la brucellosi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/