Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Ponte Lucano, via alle ruspe.

 .:Inviato Mercoledì, 21 novembre 2001 @ 16:18:46 da titiro
Rassegna Stampa Tivoli: partono i lavori per la messa in sicurezza del tratto di Aniene soggetto a continue esondazioni; demolite le case nell’alveo per realizzare nuovi argini. Al posto dell'ex caseificio c'è già un cumulo di macerie. E le ruspe sono pronte per demolire anche l'antica cartiera Ilca, il casermone abbandonato da trent'anni e costruito a pochi passi dal greto del fiume. Sono partiti, dopo oltre 15 anni di attesa, i lavori per la costruzione degli argini del fiume Aniene a Ponte Lucano di Tivoli. Nel centro abitato saranno rase al suolo anche una decina di palazzine realizzate sulle sponde, ed otto famiglie potranno usufruire degli incentivi messi a disposizione dal Ministero per i Lavori Pubblici, ma solo ad esproprio avvenuto. Stesso destino per un bar ed un ristorante posizionati sulla strada. L'ultima parola, dopo anni di battaglie legali spetta all'Ufficio Tecnico Erariale, che deve valutare la congruità della valutazione degli stabili: in ballo c'è oltre un miliardo di lire. Dopo l'ultima tragica esondazione, avvenuta due anni fa, alcune case sono state abbandonate dai residenti, altri convivono con il rischio. Come nell'inverno scorso, quando la piena è stata evitata per un soffio grazie ad un tempestivo intervento di dragaggio. E' questa l'area dove il fiume ha trasformato decine di volte in una palude profonda un metro case, strade e attività commerciali della via Maremmana. Ed è qui dove, nonostante i divieti, sono state costruite, ristrutturate ed ampliate, abitazioni palazzine ed esercizi commerciali a rischio. Gli interventi programmati dal Genio Civile per il Tevere e l'Agro Romano dureranno almeno due anni e costeranno poco meno di quattordici miliardi di lire. Dopo la demolizione degli edifici sulla sponda destra - che prevedono anche l'esproprio di un impianto di betonaggio- si passerà alla costruzione di un parapetto lungo circa 500 metri. Sulla parte sinistra, invece, nell'area abitata, è prevista la realizzazione di un argine lungo un chilometro e mezzo. (da Il Messaggero del 21/11/01)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Ponte Lucano, via alle ruspe." | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/