Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 VITTIMA DI MALASANITA'

 .:Inviato Venerdì, 06 agosto 2010 @ 19:02:09 da webmaster
Handicap e sociale
riprese di Marco Petruzzelli

Sabato 31 luglio Mara inizia lo sciopero della fame
Il dolore, la stanchezza, lo sfinimento, l'indignazione...e adesso...la rabbia
TIVOLI - È entrata in un noto Ospedale romano a 38 anni per risolvere un problema di ernie cervicali, una semplice protusione discale, ne è uscita con una protesi al carbonio e un "regalino": la Spondilodiscite, ossia un'infiammazione del disco intervertebrale di origine infettiva batterica contratta a seguito dell'intervento chirurgico. 
Una contaminazione batterica avvenuta con molta probabilità per la non perfetta sterilità ambientale della sala operatoria.
Oltre il danno, riconosciuto, oggi ancora la beffa.
Mara Radicioni, 44 anni, residente a Tivoli Terme, vedova, disoccupata "per forza", invalida, madre di un ragazzo di 22 anni, aspetta che venga fatta giustizia e che i "responsabili" paghino per averle stravolto la vita.
È una giovane donna, forte, di battaglie ne ha combattute tante per se e per gli altri. Oggi, sconfortata, ha deciso che dalle ore 17.30 di sabato 31 luglio 2010, inizierà a rifiutare ogni tipo di alimento: uno sciopero della fame ad oltranza, una via che ha scelto per farsi sentire e per continuare a combattere.
Fino a quando non verranno riconosciuti i suoi diritti.
"Una protesta per avere giustizia, perché mi venga riconosciuto un mio diritto sacrosanto: il diritto alla salute e alla vita. Una protesta - afferma Mara - contro una triste vicenda di malasanità che mi ha costretto, negli ultimi sei anni, a vivere la vita come un calvario. In silenzio continuo a domandarmi se è giusto essere stata infettata dalla negligenza di chi avrebbe dovuto pulire una sala operatoria. Quella sala operatoria dove ho subito un intervento per migliorare la mia vita, con questo intento sono entrata in quella sala operatoria, per riprendermi la mia vita. Oggi inizio questa battaglia sperando che qualcuno non permetta più che cose come queste possano devastare altre vite come la mia: ho iniziato questa agonia a 38 anni, ho imparato subito a conoscere l'infezione che ha un nome complicato SPONDILODISCITE ma che con tanta facilità mangia, rosicchia, le vertebre. L'ho contratta proprio a causa dell'intervento. Voglio denunciare questo fatto per far si che non succeda più, per dar forza anche ad altre persone vittime di malasanità.
Inizio lo sciopero della fame perché qualcuno paghi, i responsabili paghino per quello che mi hanno tolto: ho 44 anni e una vita distrutta, vissuta con la paura che l'infezione acquisti vigore, passata tra sofferenza, dolori, impossibilità, medicine e visite neurochirurgiche.
Spero che la mia battaglia smuova l'anima e le coscienze dei responsabili di questo danno, e chiedo il sostegno morale di tutti coloro che si riconoscono nella mia storia o che semplicemente vorranno starmi vicino".

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Handicap e sociale


Articolo più letto relativo a Handicap e sociale:
DA TIVOLI UN PASSO VERSO NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"VITTIMA DI MALASANITA'" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/