Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Alternata, solidarietà e diritti per l’Aquila Il 5 giugno “Sfranati” con altre

 .:Inviato Giovedì, 03 giugno 2010 @ 23:32:31 da homotenuis
Rassegna Stampa sFrAnAti


Sostenere i cittadini e le cittadine della provincia abruzzese nel ritrovare la propria quotidianità fatta di LAVORO, di Comunità, di Relazioni, di Diritti”. Questo l’obiettivo di “Sfranati Movimento Terra”, giornata di solidarietà - organizzata dal coordinamento CiancaroR.I.D.E. (gruppo informale di cittadini della provincia est de l'Aquila) in collaborazione con una rete allargata di associazioni, cooperative ed istituzioni – per e con le popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto, per analizzare e far conoscere la situazione dei paesi della provincia dell'Aquila a più di un anno dal sisma. Tra le associazioni presenti, una parte attiva è quella della Cooperativa Alternata di Guidonia. Il tutto si svolgerà sabato 5 giugno, presso il bar La Cabina, strada statale n°17, bivio Castel Nuovo (AQ),

Ciò che oggi è solito per gli Aquilani – spiegano i membri di Alternata - e gli abitanti della provincia è affacciarsi alla finestra con la vista delle macerie ancora al suolo, vivere in prefabbricati in legno con accanto un altro fortunato rientrato nelle liste dei MAP, vivere con la consapevolezza che le solite cose non le rifarai, perché alzarsi ogni mattina con una seconda pelle, quella del terremotato, è dura da farsela passare”. Una situazione un po’ diversa – eufemismo – da quella che hanno raccontato i media nazionali, proclami e promesse hanno coperto e provato a far dimenticare una storia che è ben lontana dal definirsi chiusa. Un rapporto, tra Alternata e Abruzzo, che si fonda su relazioni formatesi sotto le tende, su tentativi di essere presenti anche solo per “condividere una chiacchiera, un bicchiere di vino e degli arrosticini, il supporto nelle attività anche produttive che prima erano la tranquilla quotidianità (come la coltivazione dello zafferano), e l’attesa, giorno dopo giorno che la vita potesse tornare al suo solito, ma questo solito non sembra mai arrivare, adesso il solito è ancora l’essere TERREMOTATO…. e allora spinti dalla tenacia del comitato Ciancaro RIDE di Barisciano, abbiamo deciso di provare per un giorno a rivivere la vita, a riunirci per riflettere e per far riflettere, a scambiarci opinioni, idee, semplicemente a stare bene e far sentire alla provincia aquilana che tornare alla solita vita è possibile, o almeno vale la pena provare”. Un sogno, che comincerà sabato 5 giugno alle 10 e 30, e che terminerà a tarda notte, con la dolce consapevolezza di averci provato. Il cambiamento che parte dalla gente comune. Quella stessa gente che si sporca le mani, ogni giorno, per un futuro migliore. Sabato ce ne sarà tanta, nei pressi del bar La Cabina.

da Y.R.


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Alternata, solidarietà e diritti per l’Aquila Il 5 giugno “Sfranati” con altre" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/