Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI

 .:Inviato Venerdì, 23 aprile 2010 @ 20:16:11 da homotenuis
Rassegna Stampa PERUGIASSISI.16.maggio.2o1o


La situazione non è buona …

non si può non iniziare queste poche righe di invito alla partecipazione con tale

enunciazione. Viviamo sempre più in un sistema che non tiene conto dei deboli

e degli emarginati, siamo circondati sempre più da una cultura dedita alla

mercificazione e al profitto, ad una spinta devastante e propulsiva legata alla

prevaricazione e alla guerra. E lì dove ancora si scorgono e sono accese

esperienze di solidarietà, inclusione e pace ci troviamo di fronte ad un'azione di

“screditamento” internazionale da parte di chi tutto ciò dovrebbe tutelarlo e

sostenerlo. Decisamente la situazione non è buona!

Pace, Solidarietà, Diritti sembrano essere divenute parole vuote e lontane …

non più incarnate, vissute, partecipate.

Partendo da tale riflessione, il circolo Majakovskij – PRC Guidonia ha voluto

rispondere all'invito di partecipare alla Marcia per la Pace Perugia Assisi. Un

invito accolto per insaldare ancora una volta e con determinazione il bisogno di

cambiare direzione a questo sistema che quotidianamente viviamo e che

quotidianamente a piccoli passi ci sta portando verso una
“deriva disumanitaria”.
Difesa dei Diritti e della Pace risulta essere una prerogativa per tutti e tutte

coloro cittadini e cittadine credono che un altro mondo sia possibile, che

un'altra Italia sia necessaria. Un invito particolare è rivolto ai giovani del

territorio motore portante per una diversa cittadinanza e un diverso e nuovo

modo di vivere “territorialità”!

In tal senso il
circolo Majakovskij sta organizzando un pulman per aderire e
partecipare alla Marcia del 16 maggio 2010 che come storica consuetudine si terrà da Perugia ad Assisi.

per informazioni prcguidonia@libero.it www.myspace.com/prcguidonia
tel. 3466123118 – 3391057926



Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 4.75
Voti: 16


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI" | Login/Crea Account | 13 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI (Voto: 0)
di Anonymous il Sabato, 24 aprile 2010 @ 17:13:53
PARTECIPIAMO ...
INTANTO AUGURI A TUTTI_E
EVVIVA LA LIBERAZIONE
EVVIVA I PARTIGIANE E LE PARTIGIANE
EVVIVA LA RESISTENZA E LA SCACCIATA DEL NAZIFASCISMO

BUON 25 APRILE A TUTTE_I


[ Rispondi ]


Re: MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI (Voto: 0)
di Anonymous il Sabato, 24 aprile 2010 @ 21:57:20
si, bisognerebbe partecipare...


[ Rispondi ]


a proposito di diritti ... siamo sempre più in pericolo!!! (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 25 aprile 2010 @ 12:47:24
Oggetto: il 1984 di Orwell non è così lontano... >:o
Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC) identificato dall'articolo 50-bis: /Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet/;
la prossima settimana Il testo approderà alla Camera diventando l'articolo nr. 60.
Il senatore Gianpiero D'Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo e ciò la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della"Casta" .
In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse invitare attraverso un blog a disobbedire (o a criticare?) ad una legge che ritiene ingiusta, i /providers/ dovranno bloccare il blog.
Questo provvedimento può far oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all'estero; il Ministro dell'Interno, in seguito a comunicazione dell'autorità giudiziaria, può infatti disporre con proprio decreto l'interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.
L'attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore; la violazione di tale obbligo comporta per i provider una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000.
Per i blogger è invece previsto il carcere da 1 a 5 anni per l'istigazione a delinquere e per l'apologia di reato oltre ad una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni perl'istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all'odio fra le classi sociali.
Con questa legge verrebbero immediatamente ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta!
In pratica il potere si sta dotando delle armi necessarie per bloccare in Italia Facebook, Youtube e *tutti i blog* che al momento rappresentano in Italia l'unica informazione non condizionata e/o censurata.
Vi ricordo che il nostro è l'unico Paese al mondo dove una /media company/ ha citato YouTube per danni chiedendo 500 milioni euro di risarcimento.
Il nome di questa /media company/, guarda caso, è Mediaset
Quindi il Governo interviene per l'ennesima volta, in una materia che, del tutto incidentalmente, vede coinvolta un'impresa del Presidente del Consiglio in un conflitto giudiziario e d'interessi.
Dopo la proposta di legge Cassinelli e l'istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovrà presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al "pacchetto sicurezza" di fatto rende esplicito il progetto del Governo di /normalizzare/ con leggi di repressione internet e tutto il istema di relazioni e informazioni sempre più capillari che non si riesce a dominare.
Tra breve non dovremmo stupirci se la delazione verrà premiata con buoni spesa!
Mentre> negli USA Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet in> Italia il governo si ispira per quanto riguarda la libertà di stampa alla Cina e alla Birmania.
Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati il blog Beppe Grillo e la rivista specializzata Punto Informatico.
Fate girare questa notizia il più possibile per cercare di svegliare le coscienze addormentate degli italiani perché dove non c'è libera informazione e diritto di critica il concetto di democrazia diventa un problema dialettico.
documentazione diffusa dal
Coordinamento Provinciale Veronese degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
c/o Provincia di Verona – Gruppi Consiliari via S.Maria Antica 1 37121 Verona
Consigliere/ i: Allegri, Caldana, Campagnari, Rizzi.....Coord. tecnico: Andreoli,Ferrari, Velardita
www.per

Leggi il resto di questo commento...


[ Rispondi ]


una bella iniziativa a livello nazionale per la pace e i diritti ... LE 100 STORIE (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 25 aprile 2010 @ 12:52:13
Carissima/o associazione/gruppo,

in occasione della Marcia per la Pace Perugia-Assisi del

prossimo 16 maggio 2010 ti inviamo una pagina in cui vi spiegheremo la nostra idea. Ci

piacerebbe essere protagonisti con te di questa avventura.

Stiamo scrivendo una bella storia.

A scuola ci hanno insegnato che la parola coscienza si scrive con la “i”, peccato che una volta

diventati grandi nessuno ci abbia chiesto di scriverla; ci hanno insegnato ad attraversare

quando il semaforo si faceva verde, poi abbiamo visto che chi passava col rosso arrivava prima

dall’altro lato della strada; ci hanno insegnato che il voto del compito in classe era assegnato in

base al numero di errori, non al nome scritto in alto a sinistra.

Erano davvero una cosa da piccoli gli insegnamenti della nostra maestra? Noi pensiamo che

non sia così, che non debba essere così, che non lasceremo che sia così.

Troppo spesso le parole sono contenitori stagni, svuotati da ogni significato; troppo spesso

abbiamo la sensazione di essere una generazione fatta crescere in cattività, dove la gabbia è

rappresentata prima di tutto dal tubo catodico.

Troppo spesso ci catalogano come la generazione che davanti alla sofferenza che guardiamo in

televisione semplicemente: cambia canale; forse chi ci cataloga si dimentica che noi siamo

cresciuti con le immagini degli immigrati clandestini che arrivavano nelle nostre città, prima

con le navi dall'Albania, poi i gommoni dall'Africa.

Si dimenticano che abbiamo visto i fuochi delle bombe che cadevano a poche centinaia di

chilometri da casa nostra, proprio dall’altro lato del mare: nei Balcani. Che anche noi abbiamo

protestato contro la costruzione di un nuovo muro: quello costruito da Israele sulla terra dei

palestinesi.

Si dimenticano che ognuno di noi sa benissimo dove si trovava il giorno in cui ha visto venir giù

le torri gemelle, perché eravamo coscienti di assistere all’inizio di un nuova guerra, contro un

nemico senza divisa e passaporto, cresciuto nell’ombra, nella nostra ombra: il terrorismo.

Si dimenticano che siamo anche la generazione che ha sognato Seattle, che ha animato

Genova, che ha lottato contro la deriva della scuola-azienda e che per tanti anni si è ritrovata

in uno slogan: un altro mondo è possibile.

Se dovessi pensare ad una parola con la quale riassumere il sogno della nostra generazione

userei “cittadinanza”. In tutta Italia c'è un universo che ha deciso di non arrendersi, di non
accettare di essere trattati come semplici spettatori e che tutti i giorni prova a rendere

concreta quella voglia di cittadinanza attiva, non arrendendosi all'idea di essere sempre una

minoranza culturale in questo paese.


 

Dal 13 al 15 maggio 2010 ci incontreremo a Perugia nel Forum della pace. Tre giorni

di lavoro e di approfondimento. E poi, domenica 16 maggio, parteciperemo alla

Marcia per la pace Perugia-Assisi.



[ Rispondi ]


sempre rispetto all'iniziativa PERUGIASSISI (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 25 aprile 2010 @ 12:54:44
Tavola della pace – LiberaInformazione - Articolo 21 - Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
Federazione Nazionale della Stampa



Verso la Marcia per la pace Perugia-Assisi-16 maggio 2010

Dal 10 al 16 maggio 2010 partecipa a
T’illumino di +
Una settimana per dare voce agli invisibili
Una settimana per un’informazione e una comunicazione di pace
Una settimana contro la censura, per la libertà e il diritto all’informazione

Ci sono persone, popoli, problemi, tragedie umane, guerre, conflitti, ma anche storie positive, idee, valori, progetti, iniziative e proposte che vengono costantemente nascoste, oscurate, ignorate e deformate da un mondo dell’informazione sempre più chiuso e sempre meno libero.

Per questo la Tavola della pace, LiberaInformazione, Articolo 21, Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani e la Federazione Nazionale della Stampa organizzano “T’illumino di +”: una settimana, dal 10 al 16 maggio 2010, per dare voce agli invisibili. Una settimana contro la censura, per la libertà e il diritto all’informazione, per un’informazione e una comunicazione di pace.

Invitiamo tutti i giornalisti e i mezzi d’informazione pubblici, privati e indipendenti ad aderire a “T’illumino di +” e a fare in modo che durante l’intera settimana si dia voce alle tante, troppe persone e popoli che non hanno mai voce. Persone e popoli che soffrono e hanno un grande bisogno d’attenzione ma anche storie ed esperienze di gente che sta cambiando le cose, in prima persona. Chiediamo di definire spazi, trasmissioni, speciali, interventi nei programmi in palinsesto.


Chiediamo ai cittadini, alle associazioni, le organizzazioni e gli enti locali che hanno aderito alla Marcia per la pace Perugia-Assisi di sollecitare tutti i giornalisti e i mezzi di comunicazione, cominciando da quelli del proprio territorio.
Scopri l'amore e fallo conoscere al mondo. (M. GHANDI)

Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce. (LAO TSE)
Chiediamo di dar voce a questa foresta che cresce fuori dai riflettori dei media. Siamo convinti che è questo bosco invisibile che salverà il mondo, portiamolo alla luce, illuminiamolo di più.

Per adesioni e informazioni:
Tavola della Pace, via della viola 1 (06100) Perugia Tel. 075/5734830 - fax 075/5739337 - e mail: stampa@perlapace.it - www.perlapace.it


[ Rispondi ]


Re: MARCIA PER LA PACE PERUGIA-ASSISI (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 26 aprile 2010 @ 14:54:06
NON MANCHEREMO ..... crediamo che siaun occasione


[ Rispondi ]


REPORTER PER LA PACE (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 26 aprile 2010 @ 23:04:15
16 maggio 2010 - Marcia per la pace Perugia-Assisi

CERCHIAMO TRENTA REPORTER DI PACE

Guillermo Bravo Vega, Walter Tobagi, Sahar Hussein al-Haideri, Peppino Impastato, Michelle Lang, Mario Francese, Marco Lucchetta, Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, Enzo Baldoni, Deyda Hydara, Cosimo Cristina, Vladislav Listiev, Mauro De Mauro, Robert Capa, Maria Grazia Cutuli, Giovanni Spampinato, Antonio Russo, Giuseppe Fava, Ernie Pyle, Giancarlo Siani, Mauro Rostagno, Larry Burrows, Beppe Alfano, Steven Vincent, Anna Politkovskaya, Christian Poveda, Sultan Munadi, Raffaele Ciriello, Rupert Hamer, Ilia Shurpaiev, Roger Mariano, Marcello Palmisano.



In ogni guerra la prima vittima è sempre la verità e con essa chi cerca di diffonderla. Non importa se il conflitto sia generato da un esercito invasore, dalla criminalità organizzata o da un governo che non rispetta i diritti umani. I nomi elencati sopra sono solo alcuni dei tanti giornalisti uccisi mentre facevano il loro lavoro: raccontare la realtà. Difendevano il significato delle parole e il valore dei fatti. In Italia e nel mondo.

La Tavola della Pace in vista della Marcia per la pace Perugia Assisi che si svolgerà il 16 maggio 2010 cerca trenta operatori della comunicazione disposti a diventare Reporter di Pace per un giorno. Uomini e donne, anche non giornalisti professionisti, che possano aiutarci a ridare significato a parole come giustizia, solidarietà, pace, nonviolenza, libertà, speranza, diritti umani.

In nome di chi ha sacrificato la vita in difesa della libertà d'informazione vogliamo creare una comunicazione condivisa e partecipata della marcia. Nello specifico cerchiamo dieci persone che possano realizzare interviste e riprese video, dieci che possano fare una copertura fotografica durante la giornata, cinque che possano fare interviste audio e cinque che possano scrivere articoli.

Per poter aderire all'iniziativa bisognerà compilare il modulo allegato.

Per adesioni e informazioni:
Tavola della Pace, via della viola 1 (06100) Perugia Tel. 075/5734830 - fax 075/5739337 - e mail: stampa@perlapace.it - www.perlapace.it


Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza la criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili. pretende il funzionamento dei servizi sociali. Tiene continuamente allerta le forze dell'ordine, sollecita la costante attenzione della giustizia, impone ai politici il buon governo. (GIUSEPPE FAVA, 1925 - 1984)


[ Rispondi ]


resoconto incontro a defrag APERITIVATTIVO ... tema: 100 storie! (Voto: 0)
di Anonymous il Martedì, 27 aprile 2010 @ 23:49:52
<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } --> Verbale incontro “100 storie” 8-4-2010
Il progetto “100 storie” consiste nella raccolta di storie di giovani impegnati per cambiare la situazione italiana. Queste storie si racconteranno nella Tavola della Pace come preparazione alla Marcia della Pace Perugia – Assisi. Queste storie saranno quindi la testimonianza di cittadinanza attiva di questi giovani, e andranno poi a costituire un blog o un media dove tutti i giovani saranno coinvolti. I giovani e le associazioni si incontreranno il 13 maggio a Perugia per una giornata di lavoro e conoscenza; il 14 e il 15 maggio saranno giornate di workshop e il 16 maggio sarà dedicato alla Marcia della Pace. Con questi incontri si cerca di creare dei nodi tra le associazioni e i ragazzi per combattere insieme, incontrarsi e collaborare anche negli eventi. Tra le storie ci saranno anche quelle di:giovani artisti; ragazzi disabili; laureandi in psicologia di comunità; ragazzi impegnati nelle associazioni di integrazione rom, disabili; associazioni culturali. Come prodotto finale di questo incontro si propone:
  • Collaborazione con la casa editrice dei ragazzi di Scampia, parenti delle vittime di mafia, per pubblicare le storie;
  • Video intervista ai ragazzi disabili da mettere sul sito;
  • Intervista ai 100 durante la Tavola della Pace.
stef.CittadinanzeAttiveTerritoriali Valle dell'Aniene


[ Rispondi ]


"GIRA E DIFFONDI IL MIGLIOR SPOT PER LA MARCIA" (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 28 aprile 2010 @ 19:43:43
Verso la Marcia Perugia-Assisi

LA TAVOLA DELLA PACE LANCIA IL CONCORSO

"GIRA E DIFFONDI IL MIGLIOR SPOT PER LA MARCIA"

ABBIAMO BISOGNO DI UN'ALTRA CULTURA!


La Tavola della Pace in vista della Marcia Perugia-Assisi nell'ambito di una comunicazione condivisa e che sappia ridare voce alle tante storie che oggi vengono relegate al silenzio lancia il concorso "Gira il tuo Spot ideale per la Marcia". Aprendo la comunicazione a tutti coloro che vogliono mettersi in gioco ed essere protagonisti per per poter diffondere il messaggio che anima l'evento. Lo spot migliore verrà proiettato sul palco della Rocca Maggiore di Assisi il 16 maggio 2010 e verrà trasmesso in tv e sul sito di Rainews24.

"Viviamo un periodo di grande crisi. Una crisi economica, politica, sociale e culturale che può essere arginata soltanto da un grande movimento sociale. Abbiamo bisogno di ritrovare un'identità condivisa che sappia nuovamente coniugare quelle parole e quei valori che permeano la Costituzione" - dicono in una nota pubblicata sul sito www.perlapace.it - "Per questo motivo pensiamo che solo una partecipazione diffusa possa essere la miglior risposta all'indifferenza dei grandi media ai problemi di questa società". La Marcia Perugia-Assisi nasce da un'esigenza collettiva: l'esigenza di tornare a incontrarsi, confrontarsi e contaminarsi per creare una rete.

Per partecipare al concorso"Gira e diffondi il miglior Spot per la Marcia" basta compilare il modulo allegato e inviarlo insieme allo spot. Il lavoro dovrà avere una durata massima di un minuto e dovrà essere inviato entro il 10 maggio 2010 al seguente indirizzo: redazione@perlapace.it

Per maggiori informazioni:
075 5734830 Fax +39 075 5739337
stampa@perlapace.it
www.perlapace.it [www.perlapace.it]

<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } A.western:link { so-language: zxx } A.ctl:link { so-language: zxx } --> GIRA E DIFFONDI IL MIGLIO SPOT PER LA MARCIA
Il sottoscritto …................................…................................................................................................
nato a …........................................ in provincia di …............................. il …......................................
email.......................................................................................................................................................
cell..........................................................................................................................................................
con lo spot dal titolo................................................................della durata di ......................................
si candida per partecipare al concorso"Gira e diffondi il miglior Spot per la Marcia"

Il miglio lavoro verrà proiettato sul palco di Assisi nella giornata della Marcia per la pace e verrà trasmesso in tv e sul sito di Rainews24.



Gli spot dovranno avere una durata massima di un minuto e dovranno essere inviati come allegato mail all'indirizzo
redazione@perlapace.it . Verranno accettati i lavori inviati entro l' 11 maggio 2010 (incluso) in formato digitale (Real Video, Windows Media Player, AVI, MPEG). Qui saranno visionati e votati dagli utenti della rete, che decreteranno, con le loro preferenze, i video migliori. Questi passeranno poi al vaglio di una giuria che

Leggi il resto di questo commento...


[ Rispondi ]


NECESSARIO SE NON INDISPENSABILE PARTECIPARE! DRITTI AI DIRITTI! (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 30 aprile 2010 @ 10:00:47
NECESSARIO SE NON INDISPENSABILE PARTECIPARE!
DRITTI AI DIRITTI!



[ Rispondi ]


SENZA LAVORO NON C'è PACE ... BUON 1 MAGGIO A TUTT# (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 30 aprile 2010 @ 12:24:09
Domani alla Festa dei lavoratori.
Senza lavoro non c'è pace!
Il 16 maggio alla Marcia per la pace Perugia-Assisi.

Alla vigilia del 1 maggio, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace, annuncia: la prossima Marcia per la pace Perugia-Assisi sarà anche una grande giornata di lotta per il lavoro, per il salvataggio delle fabbriche e delle aziende in crisi, contro la morte sul lavoro, per un lavoro dignitoso per tutti.

"Non c'è pace senza lavoro! Non c'è prospettiva. Tutto diventa più difficile. Non si sogna più. Non si programma più. E' una situazione d'inferno. Togliendoci il lavoro ci tolgono l'essenza della nostra vita." Nadia è una operaia della Merloni e, quando interviene nel seminario di preparazione della Marcia Perugia-Assisi, è molto emozionata. E' abituata a lavorare, non a parlare in pubblico. Ma non si ferma. "Quando dico che "non c'è pace senza lavoro" non lancio uno slogan. La pace quotidiana, i rapporti quotidiani, dentro e fuori la famiglia, sono compromessi e messi a rischio. Siamo in tanti, più di mille e tutti viviamo senza pace. Cosa raccontiamo ai nostri figli? Quale futuro con questa incerta e questa precarietà che ci è caduta addosso? Se vogliamo costruire un mondo migliore, far tornare la pace in mezzo a noi, riscopriamo i valori universali.

Il diritto al lavoro è un pezzo fondamentale per ripartire, per ritornare a vivere in pace e con la pace. Il nostro è un appello rivolto a tutti: ridateci la speranza non toglieteci il diritto al lavoro. Siamo stremati. Ogni giorno cerchiamo di dimostrare il nostro disagio, il nostro non essere in grado di dare il necessario alle nostre famiglie. Dateci la vostra solidarietà e attivatevi perché lo stato di queste cose cambi perché possiamo riconquistare la fiducia per un futuro che per noi non è mai stato così nero."

L'angoscia e l'appello di Nadia esigono risposte concrete e urgenti dalla politica e dalle istituzioni. Per battere la crisi economica e sociale che stiamo vivendo abbiamo bisogno di ripartire dall'articolo 1 della nostra Costituzione, di rimettere al centro l'economia reale, di ridare importanza a chi lavora e produce, di ridistribuire la ricchezza, di investire i nostri soldi sulla dignità delle persone, di ridurre le disuguaglianze, di rimettere sotto controllo la finanza, di ricostruire il primato della politica sull'economia, di difendere e rafforzare il sindacato, di rafforzare la sua credibilità, la sua capacità di difendere il diritto al lavoro, la dignità e i diritti dei lavoratori senza distinzioni di pelle e senza frontiere.

Ma il problema è anche nostro. Per questo noi vogliamo che la prossima Marcia per la pace Perugia-Assisi sia anche una grande giornata di lotta per il lavoro, per il diritto al lavoro, per il salvataggio delle fabbriche e delle aziende in crisi, contro la morte sul lavoro, per un lavoro dignitoso per tutti.

Perché la pace, per noi, è sinonimo di serenità, di diritti umani, di dignità della vita umana, di uguaglianza e di legalità. E non ce n'è una sola di queste cose quando il lavoro non c'è, quando è disumano, quando uccide, quando al posto del lavoro c'è solo precarietà, incertezza e sfruttamento.

Ci sono uomini e donne che hanno avuto la vita spezzata da un lavoro crudele. Ce ne sono altri che rischiano la stessa fine. Se davvero vogliamo la pace, non possiamo lasciarli soli. La Perugia-Assisi sarà anche per loro. Con loro.

Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace

Perugia, 30 aprile 2010



[ Rispondi ]


PROGRAMMA PERUGIASSISI... (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 30 aprile 2010 @ 12:40:03
SU WWW.PERLAPACE.IT

<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } A:link { color: #0000ff } --> alla vigilia della Marcia per la pace Perugia-Assisi – 16 maggio 2010 il Forum della Pace Perugia, 14-15 maggio 2010

Il 14 e 15 maggio 2010, alla vigilia della Marcia per la pace Perugia-Assisi, si svolgerà a Perugia il Forum della Pace. Un evento unico, senza precedenti. Una grande “Università della pace”.
Più di cinquemila giovani, insegnanti, esponenti di gruppi e associazioni, giornalisti e amministratori locali di ogni parte d’Italia s’incontreranno per riscoprire insieme cosa vuol dire “fare pace” dal quartiere all’Onu, riconoscendo le responsabilità di ciascuno, persone, gruppi e istituzioni (facciamo pace a scuola, facciamo pace con il pianeta, facciamo pace con il lavoro, facciamo pace in Afghanistan, facciamo pace con l’informazione, facciamo pace con la politica, facciamo pace con l’Africa, facciamo pace a Gerusalemme,...).
Al centro del Forum ci saranno le testimonianze di donne e uomini che rappresentano le vittime della miseria e dell’ingiustizia, delle guerre e della violenza e che rappresentano l’impegno civile sui grandi problemi sociali, politici, ambientali, culturali del nostro tempo.
Il Forum della pace sarà una grande occasione di confronto e approfondimento su numerosi temi e problemi: la cittadinanza, la Costituzione, la pace, la guerra e le guerre, la miseria, i diritti umani, la scuola e l’educazione, la televisione, l’informazione, il lavoro, le mafie, l’immigrazione, i nuovi italiani, la nonviolenza, il disarmo, la politica, la terra madre, il clima e l’ambiente, la cultura, la paura, la giustizia, la libertà, l’economia, i beni comuni, l’acqua, la responsabilità, la speranza, l’Italia e il mondo, l’Europa, l’Africa, Israele e la Palestina, l’Afghanistan, l’Iran, l’Iraq, la Colombia, il popolo Saharawi, l’Onu.
Durante il Forum si svolgeranno il Meeting nazionale delle scuole per la pace “Cittadinanza e Costituzione”; il Meeting dei giovani per la pace; conferenze, dibattiti, seminari e lezioni di pace.
Al Meeting nazionale delle scuole per la pace “Cittadinanza e Costituzione” parteciperanno 140 scuole, di ogni ordine e grado, provenienti da quasi tutte le regioni italiane, che durante l’anno scolastico hanno sviluppato percorsi di educazione alla cittadinanza e alla costituzione nonché di educazione interculturale, educazione alla legalità, ai diritti umani, alla pace, alla democrazia, all’ambiente, al dialogo, allo sviluppo.
Al centro del Meeting dei giovani c’è il progetto “100 giovani per la pace”. Il progetto si propone di raccogliere 100 storie di giovani provenienti da tutta Italia che si ritrovano nei valori della giustizia, dei diritti umani, della solidarietà, della nonviolenza, della pace, della responsabilità e della libertà. Volontariato, associazionismo, terzo settore, mondo dell'impresa, giovani amministratori, giovani migranti, seconde generazioni: settori diversi del mondo dei giovani, di quella che ci piace definire la società responsabile. Un progetto dei giovani per i giovani.
www.perlapace.it [www.perlapace.it]
Per iscrizioni e informazioni: Tavola della Pace, via della viola 1 (06122) Perugia - Tel. 075/5736890 - fax 075/5739337 - email segreteria@perlapace.it
Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani via della Viola 1 (06122) Perugia te

Leggi il resto di questo commento...


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/