Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 NO Olimpiadi 2020. Roma ha bisogno di altro

 .:Inviato Giovedì, 11 marzo 2010 @ 14:59:32 da Anonymous
Ambiente Anonymous scrive "Il  sindaco Alemanno, ha consegnato  al Coni la candidatura bypartisan di Roma come sede delle olimpiadi del 2020.C’è già chi si sta facendo una risata: le Olimpiadi, come i terremoti, non capitano tutti i giorni.

Bisogna avere il coraggio di dirlo forte: le Olimpiadi 2020 non devono tenersi a Roma. (E nemmeno a Venezia).




[ continua... ]Piacerebbe a tutti poter ospitare quell’evento sportivo, sobrio e appassionante, pensato da Pierre de Coubertin. Le Olimpiadi sono già state a Roma, nel 1960. Erano le ultime senza sponsor. Ma le Olimpiadi sono ormai un’altra cosa: un circo mediatico consumista, una macchina per far denaro e una occasione di scempio del territorio. Roma invece è rimasta la stessa: quella dei palazzinari. Quelli della costruzione della Magliana sette metri sotto il livello del Tevere.

Chi si ricorda dei Mondiali ’90? Quali benefici ne ha tratto Roma? Per tutti ricordiamo l’air terminal abbandonato da anni (150 miliardi di lire),  le stazioni ferroviarie mai usate di Farneto e Vigna Clara (80 miliardi), il sottopasso sulla Colombo. Monumenti allo spreco, al consumo di territorio ed al cemento.

Sono passati 30 anni e sei amministrazioni, ma con i Mondiali di nuoto del 2009 è successo lo stesso. Forse peggio. 200 milioni di euro buttati nella città fantasma dello sport a Tor Vergata, un rosario di piscine incomplete o costruite abusivamente, incluso il Salaria Sporting Club, con poteri di deroga tipo Protezione civile e una scia di inchieste per corruzione e sanatorie bypartisan.

Perché nel 2020 dovrebbe essere diverso? Il blocco di potere di costruttori ed immobiliaristi che domina Roma da sempre, e che ha imposto un modello economico basato sulla rendita soffocando lo sviluppo produttivo, è ancora lo stesso. Lo abbiamo visto con il Piano Regolatore, costruito sulla dislocazione delle aree di Caltagirone, Toti, Scarpellini, Ligresti  e compagnia cantante. Per rilanciare Roma occorre tagliare le unghie a questo blocco economico, non continuare ad alimentarlo.

Si dice che le Olimpiadi faranno bene al turismo. Ma davvero Roma, la città più  conosciuta al mondo dopo a New York, con i suoi 14 milioni di visitatori, ha bisogno delle Olimpiadi per promuoversi? Davvero 10 anni di cantieri aperti nella città e un adeguamento dell’offerta ricettiva alla invasione di milioni di spettatori per pochi giorni è quello che serve?

Il turismo a Roma non ha bisogno di picchi, ma di presenze più prolungate e diluite. Ha bisogno di più bed&breakfast e alberghi economici (sono i più cari d’Europa), di migliorare i servizi turistici, di valorizzare tutto il territorio e non solo il cuore archeologico.

E non è vero nemmeno che porteranno ricchezza. Anzi. I mondiali di nuoto sono andati in rosso di 8 milioni di euro, mentre la Grecia sta sprofondando sotto il peso dei 10 miliardi di debiti contratti per le Olimpiadi del 2004. A parità di capitali investiti i Giochi portano effetti limitati sull’occupazione, mentre il consumo di territorio, vera ricchezza della città, è enorme. Le grandi opere continueranno a drenare denaro sottraendolo agli investimenti di riqualificazione. Resteranno le opere: alcuni grandi impianti sportivi costosissimi, mentre Roma ha bisognosi impianti diffusi, accessibili. Tante strade e qualche intervento di maquillage: ma chi lo dice che ci vogliono le Olimpiadi, ad esempio, per recuperare il Tevere?
No le Olimpiadi non s’hanno a fare qui.  Il Comitato Olimpico Internazionale assegnerà la sede dei giochi nel 2013. Abbiamo tre anni per convincerlo che non è il caso. Intorno all’opposizione al procedere per grandi eventi, segno di mancanza di fantasia, può coagularsi  invece il fronte di coloro che hanno una altra visione della città e sognano una Roma diversa, a misura di persona.

Fabio Alberti
"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"NO Olimpiadi 2020. Roma ha bisogno di altro" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/