Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Due milioni al mese per estrarre dal suolo il bianco travertino

 .:Inviato Venerdì, 01 febbraio 2002 @ 16:28:29 da titiro
Rassegna Stampa E' uno dei comparti trainanti dell'economia locale quello del settore estrattivo. Sono poco meno di mille gli addetti occupati nelle centotrenta imprese presenti nel bacino minerario di Guidonia Montecelio e Tivoli. L'indotto che vi ruota attorno impiega altri duemila unità. Le cave di travertino hanno, nel corso degli anni, scandito la crescita dell'hinterland tiburtino. La pietra "nasce" con i depositi sedimentari di una grande palude d'acqua sulfurea. La formazione del bacino è avvenuta circa 160.000 anni fa. Il travertino si può trovare già a venticinque metri di profondità fino, ad un massimo, di cento. Ma quanto se ne trova nel sottosuolo? Chi dice venticinque milioni di metri cubi, chi il doppio. Cave, segherie e laboratori, nel dopoguerra, hanno rappresentato un'opportunità occupazionale per quanti la cercavano. La paga giornaliera di un meccanico, nel 1946, era di 467 lire; di uno scalpellino 481; di uno sbozzatore ed un cavatore 447; di un filista ed un segatore 426; di un manovale 411. «L'inflazione era così alta allora - ricorda lo storico Luciano Messa - che gli stipendi degli operai venivano aggiornati ogni due mesi». Se la passavano un pò meglio gli impiegati. Quindicimila lire lo stipendio mensile di uno di prima categoria, dodicimila per chi era di seconda e novemila per chi era in terza. Un operaio, oggi, si trova in busta sui due milioni, ai quali vanno sommati gli eventuali straordinari. Il lavoro, con l'avvento del filo elicoidale, è cambiato. Ma alcune figure professionali, tipo lo scalpellino, stanno scomparendo. «Formare i giovani è uno degli obiettivi che ci siamo prefissi» afferma Filippo Lippiello, presidente del Centro per la Valorizzazione del Travertino. (da Il Tempo del 01/02/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Due milioni al mese per estrarre dal suolo il bianco travertino" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/