Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Se non è zuppa è pan bagnato

 .:Inviato Domenica, 24 gennaio 2010 @ 08:52:14 da comitato
C.R.A. Guidonia Il giorno 20 gennaio 2009  la maggioranza ha approvato una mozione del PDL in consiglio comunale a Guidonia Montecelio per la realizzazione dell'impianto di trattamento dei rifiuti.

L'unico progetto su Guidonia  per il trattamento dei rifiuti è della soc. Colari che prevede un megaimpianto che produce ecoballe trattando i rifiuti di alcuni comuni della provincia di roma. Come ovvio, le ecoballe andranno bruciate in inceneritori. E quali meglio dei forni delle cementerie, indicati anche nella bozza del piano della regione lazio, non ancora definitivamente approvato?  
Nonostante si indichi una garanzia al divieto di bruciare rifiuti nelle cementerie Unicem di Guidonia già dalla precedente amministrazione Lippiello , di fatto questa garanzia non sussiste e non puo' essere data. 

Eppure il CRA aveva già intravisto una continuità di scelta politica tra la vecchia amministrazione Lippiello e la nuova amministrazione Rubeis, come dall'articolo che abbiamo pubblicato sul CRANews di seguito allegato dove si descrive sommariamente l'incontro avvenuto tra il sindaco Rubeis e le associazioni a settembre 2009.
I cittadini e le associazioni intanto si stanno mobilitando per esprimere il proprio dissenso. Per chi volesse maggiori informazioni oppure essere attivo nell'organizzazione del dissenso verso queste decisioni della politica contro la salute pubblica può contattarci su questa email cra @ aniene . net oppure su www.aniene.net/cra o anche su facebook www.facebook.com/craguidonia
......


Se non è zuppa è pan bagnato
Il Comitato Risanamento Ambientale (CRA) di Guidonia è stato recentemente ricevuto al Comune dal neosindaco Eligio Rubeis, il quale - anche se con quasi tre mesi di ritardo rispetto alla richiesta di incontro inoltrata dai comitati e dalle associazioni
guidoniane - ha tenuto a dimostrare la sua sensibilità per la tutela ambientale e per la difesa della salute dei concittadini. Almeno secondo lui. Difatti, alle richieste del CRA (gli è stata letta la piattaforma istitutiva del Comitato) Rubeis ha replicato puntualmente, ma, pur ribadendo alcuni punti formalmente positivi e patrimonio della collettività guidoniana e del suo Consiglio comunale (protocollo d'intesa con Buzzi-Unicem contro l'incenerimento del cdr nei suoi forni, monitoraggio delle polveri da lavorazione del cementificio e delle cave di travertino, raccolta rifiuti differenziata col sistema “porta a porta”), non si sono registrate novità sostanziali rispetto al passato né migliorie alla scarsa vivibilità locale. Tutt'altro. In perfetto “continuismo” con
l'infausta gestione Lippiello, anche questa Amministrazione appare molto concentrata sulle “grandi opere” infrastrutturali, che porteranno ulteriori colate di cemento e asfalto sul territorio già martoriato e degradato. Passanti stradali, rotonde, svincoli, insediamenti abitativi e riservati al terziario (essenzialmente commerciale e alberghiero) sono i “miglioramenti” proposti alla cittadinanza dalla Giunta Rubeis. Sulla questione del monitoraggio epidemiologico della salute degli abitanti di Guidonia Montecelio, il sindaco non ha potuto rispondere, in quanto non al corrente del problema né dei suoi sviluppi, arrivando poi a lamentarsi del “profondo rosso” lasciato nel bilancio comunale da Lippiello e soci,. Quanto alla raccolta differenziata dei rifiuti, non ha poi trovato di meglio che ribadire quanto già avviato – con immensa fatica e enormi ritardi – dalla precedente Amministrazione. Rubeis ha solo aggiunto che, tempo 14 mesi, tutto il territorio aderirà alla raccolta “porta a porta”. Ricordando al sindaco che, in campagna elettorale, aveva dichiarato di essere a favore della chiusura della discarica dell'Inviolata e contro i nuovi impianti da collocare nel territorio guidoniano previsti dal Piano Rifiuti dell'infausto Marrazzo per produrre cdr, il CRA gli ha chiesto se avesse intenzione di mantenere le promesse. La risposta – scontata – è stata improntata al detto: “le promesse elettorali durano il tempo della campagna...”

incontro di settembre 2009 tratto dal CRANews n.4 che potete trovare sul sito www.aniene.net

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre C.R.A. Guidonia


Articolo più letto relativo a C.R.A. Guidonia:
Campo di golf a Tor Mastorta

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Se non è zuppa è pan bagnato" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Rubeis e il terrorismo psicologico (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 24 gennaio 2010 @ 13:37:48
Mentre Rubeis si tiene nel cassetto lo studio epidemiologico pagato profumatamente dal comune e diviene padrone di informazioni anche se autocommissionate, dall'altra dichiara nei giornali che le associazioni fanno terrorismo psicologico (nuovo oggi del 24 gen 2010) .Meditate, gente....


[ Rispondi ]


Re: Se non è zuppa è pan bagnato (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 24 gennaio 2010 @ 17:34:19
Anche sul messaggero di oggi 24 gennaio 2010, il sindaco Rubeis dà dei terroristi alle associazioni per un episodio interpretato dallo stesso come atto di odio, in linea con il partito dell'amore che rappresenta. Da ridere se non ci fosse in mezzo il nostro futuro. Sindaco, dacci subito la relazione epidemiologica visto che la citi in tutti i giornali

Ecco l'articolo:

«Allarmismo ingiustificato, quasi procurato allarme» che, tra l’altro, «sarà presto nettamente smentito dagli esiti dello studio epidemiologico elaborato dall’università La Sapienza sulla città». Così il sindaco di Guidonia, Eligio Rubeis (Pdl), bolla il dissenso ambientalista all’impianto di preselezione dei rifiuti che dovrebbe, secondo progetto, sbarcare presto all’Inviolata e anche «l’opportunismo elettorale che ha spinto il vicepresidente del Consiglio provinciale Sabatino Leonetti a cavalcare l’onda irresponsabilmente». Posizioni che «rischiano di creare situazioni di grave tensione sociale». A mettere in allarme il primo cittadino un episodio dell’altro ieri: «Alcuni attivisti davanti a un istituto scolastico istigavano le mamme “all’odio” verso i vertici dell’amministrazione» e a farne le spese sarebbe stata la moglie di un consigliere di maggioranza messa “sotto accusa”. «Chi ha detto sì all’impianto - le avrebbero urlato - farà ammalare i vostri figli di tumore».
«Prendo atto - conclude Rubeis - che il vicepresidente del consiglio provinciale è alla stregua di chi fa terrorismo psicologico davanti alle scuole. Egli adopera un pericoloso pressappochismo a soli scopi elettorali, come bene spiega nella lettera indirizzata agli assessori regionale e provinciale, nella quale mi chiede di sospendere il procedimento in vista delle elezioni. Questa tecnica spregiudicata di far credere che Guidonia sia un’altra Casale Monferrato sta ingenerando nei cittadini vere e proprie psicosi. Tempo due settimane e Leonetti ascolterà dalla viva voce dei ricercatori del dipartimento epidemiologico de La Sapienza che le cose non stanno come lui, con sconcertante leggerezza, va sostenendo».


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/