Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 La falda acquifera dei travertini

 .:Inviato Venerdì, 18 dicembre 2009 @ 14:38:43 da ortodeifrati
Ambiente
Anche a Tivoli gli effetti del terremoto di L'Aquila

Ci è stato fatto vedere questo grafico (clicca qui per visualizzare) che ci ha colpiti non tanto perché dimostra l'impoverimento continuo della falda acquifera dei travertini, quanto per una coincidenza di data, quella del 6 aprile 2009, data del disastroso terremoto della città di L'Aquila.

Il grafico in questione disegna l'andamento della falda acquifera dei travertini attraverso i rilevamenti che realizza il geologo prof. Paolo Bono del Dipartimento di Scienze della Terra all'Università La Sapienza di Roma, con una decina di sensori, posti in punti strategici del giacimento di travertino, per monitorare l'andamento dei livelli delle acque di falda, allo scopo di dare un contributo scientifico di dati reali alla conoscenza dei noti fenomeni di subsidenza e di impoverimento della falda termale delle Acque Albule.
Alla data del 6 Aprile il grafico mostra un abbassamento repentino dei livelli ai laghi della Regina e delle Colonnelle, ed a tutti gli altri sensori.

Questo fatto, messo in relazione al terremoto di L'Aquila, dimostra come una scossa tellurica lontana (avvertita anche solo debolmente a Tivoli e Guidonia) interferisce sul fragile equilibrio di quest'area. L'abbassamento dei livelli - a parere del prof. Bono - è da mettere in relazione alla perdita dei gas profondi (essenzialmente anidride carbonica) che spingono in superficie le acque termali, permettendo ad esse (almeno fino al 2001) di fuoriuscire liberamente, o di poter essere captate in modo sostenibile come avviene attualmente.

La degasificazione del sistema, a lungo andare, può divenire gravemente dannoso per lo sfruttamento della risorsa termale, se non renderlo impossibile, e per questo il monitoraggio dell'Università appare molto opportuno.

Purtroppo però, per carenza di finanziamenti, tutto questo rischia di interrompersi a breve: non si riescono a trovare i fondi per sostituire cinque sensori non funzionanti dai primi di Luglio, malgrado gli sforzi del prof. Bono, che sembra ormai l'unico interessato allo studio di questo ambiente ed alla protezione di questo territorio.


Giovanni Di Nardo

(Comitato Promotore del Parco Archeologico Ambientale dell'antica cava romana del Barco, dell'area dei Travertini e delle Acque Albule)


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"La falda acquifera dei travertini" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/