Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 «Non ci credo, Eugenio è vivo»

 .:Inviato Mercoledì, 30 gennaio 2002 @ 14:08:25 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia, la fidanzata non si rassegna alla morte del ruspista nella cava. Il corpo resta ancora sepolto sotto tonnellate di fango: si lavora giorno e notte senza sosta per recuperarlo.«No, non ci credo. Finché non vedo il corpo del mio Eugenio non mi rassegno. Può essere ancora vivo, forse è solo ferito». Raffaella, la moglie promessa di Eugenio Longo, 27 anni, l'operaio sepolto da una gigantesca onda di fiume e fango l'altro ieri nella cava di Villalba di Guidonia scuote la testa se qualcuno le dice che ormai non c'è più niente da fare. «Ripete solo di fare in fretta», racconta una zia che con i genitori della ragazza , dal momento dell'incidente vive blindata nell'appartamento della famiglia, in una palazzina del quartiere di Collefiorito vecchio: «ma noi da ore ed ore aspettiamo solo la telefonata. Che finalmente sono riusciti ad estrarre quella maledetta ruspa dalla cava e che hanno trovato il corpo di Eugenio. Era un bravo ragazzo, arrivato dalla Calabria senza niente. Qui aveva trovato un lavoro ed una famiglia. Dovevamo partecipare al matrimonio fissato per il 13 aprile. Invece ci aspetta un funerale». I tentativi per recuperare Eugenio Longo, il ruspista che lavorava per conto della Cosmoter nella vecchia cava a ridosso del deposito della "Travertini Caucci" in fondo a via della Campanella sono andati avanti senza sosta anche durante la nottata e la giornata di ieri. Degli altri quattro operai travolti dallo smottamento improvviso dell'intero costone di destra dello scavo, tre sono ricoverati nell'ospedale di Tivoli. Sergio Maggiani, 48 anni, Fernando Muzi di 51 e Salvatore Sinatra, 53 anni stanno gradatamente migliorando: sono ancora sotto choc, hanno lesioni e fratture ma sono fuori pericolo. Da lunedì a mezzogiorno, quando è scattato l'allarme, intorno all'enorme cratere pieno di fanghiglia densa si sono avvicendati decine di vigili del fuoco ed i volontari della protezione civile "Valle dell'Aniene". Sperano tutti che la gru arrivata ieri, capace di sollevare 5000 quintali di peso riesca a riportare a terra la ruspa nella quale - si crede - che ci sia l'operaio. I tentativi per recuperare il corpo di Eugenio Longo sono andati tutti falliti: il braccio della gru adoperata in un primo momento è riuscita solo a far emergere di alcuni metri il mezzo intrappolato dalla fango. Intorno al luogo della tragedia ieri c'erano solo pochi cavatori e gli ispettori del commissariato di Tivoli. L'intera area è stata posta sotto sequestro, e nessuno può oltrepassare i cancelli che delimitano il deposito e gli uffici di proprietà di Mario Caucci. Ma dietro le barriere di ferro vecchi cavatori e gli operai dei stabilimenti vicini si avvicendano in una staffetta di cordoglio. «In 36 anni di lavoro ho visto quindici morti- racconta Lorenzo Schiva - questa cava è stata abbanodonata per una decina di anni, poi hanno deciso di riattivarla, ed è per questo che stavano montando le pompe e c'erano gli operai della Cosmoter. Dovevano fare i lavori di ripulitura prima di aprire la bancata». Ogni tanto nel luogo dell'incidente si affaccia il parroco di Collefiorito, don Giovanni Fenili. Aspetta di benedire la salma. «Raffella ed Eugenio - racconta - avevano partecipato al corso prematrimoniale in parrocchia, ed una settimana fa avevamo brindato tutti insieme dopo la loro promessa di matrimonio in comune. Ci sono ancora le pubblicazioni. Li conosco bene: innamoratissimi e felici. Era tutto pronto: il matrimonio, e la casa, che avevano affittato da una zia di lei è già arredata, i vestiti.La sua è stata una vita breve, ma piena di sacrifici. Abitava dai suoceri, ma qualche volta si fermava a dormire in un lettuccio dentro gli uffici della ditta "non voglio dare troppo disturbo", mi diceva». (da Il Messaggero del 30/01/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"«Non ci credo, Eugenio è vivo»" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/