Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 «Siamo stanchi di morti tra il travertino»

 .:Inviato Martedì, 29 gennaio 2002 @ 16:54:03 da titiro
Rassegna Stampa «Se quanto ha dichiarato l'assessore Saponaro corriponde a verità, allora è necessario che faccia un esposto alla magistratura. E se nella cava di Guidonia è davvero tutto abusivo, scattino le prime manette».Domenico Petrocchi, segretario della Fillea Cgil territoriale, di vedere operai morti tra il travertino non ne può più. «Anche questa è stata una vittima annunciata. Basta con le parole. I politici si assumano le proprie responsabilità. Tre decessi in un anno nelle cave tra Tivoli e Guidonia sono troppi: ora bisogna passare ai fatti». Appena si è diffusa la notizia dell'ennesima vittima, in tutte le cave i lavoratori hanno incrociato le braccia. Giovedì lo sciopero già programmato di quattro ore per gli impiegati nel settore a Tivoli e Guidonia verrà prolungato di altre quattro. E nello stesso giorno, probabilmente ci sarà una manifestazione davanti la Regione Lazio. «Non ci stancheremo mai di denunciare l'inadeguatezza dei controlli - continua il sindacalista - e ci chiediamo che fine abbia fatto il protocollo d'intesa che abbiamo firmato ad ottobre tra i comuni dell'area estrattiva, Inail ed Inps per una presenza costante della Polizia mineraria nella zona. E' tutto bloccato negli uffici regionali. Ed intanto qui si continua a morire». Per il 12 febbario è stato fissato un vertice in prefettura, nel quale sono stati convocati i sindacati e le associazioni degli imprenditori. «Il Giubileo è finito in tutti i sensi, anche per la sicurezza dei lavoratori - tuona il segretario generale della Cgil Lazio Stefano Bianchi - siamo di fronte ad una deregolazione generale, e le scelte del Governo sul lavoro sono una esplicita indicazione alle imprese per eliminare ogni forma di controllo e tutela per gli operai».Il consigliere regionale diessino Carlo Lucherini ha presentato una interrogazione urgente sulla questione, mentre il presidente dell'Unione Industriali, Filippo Lippiello commenta «siamo addolorati per la tragedia che si è consumata oggi, c'è una inchiesta in corso che dovrà accertarne le cause, ma probabilmente hanno inciso diversi fattori. Inoltre è successo durante un'operazione che nulla ha a che vedere con l'attività estrattiva». (da Il Messaggero del 29/01/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"«Siamo stanchi di morti tra il travertino»" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/