Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Forse il dolore non ha odore

 .:Inviato Mercoledì, 11 novembre 2009 @ 00:31:17 da webmaster
Musica e arte
PERSONALE DI PITTURA DI MARINO SASSI
Marino sassi

SCUDERIE   ESTENSI Tivoli (Rm)
          Piazza  Garibaldi

 dal 15 novembre al 19 novembre  2009


Sassi lo si può considerare uno dei più variegati artisti contemporanei. Nelle sue opere si ammira tutta una folta congerie di rimandi a correnti di gusto internazionale, in primis all'Art Brut (letteralmente "Arte grezza, bruta").
Fu Jean Dubuffet nel 1949 a dare alle stampe il testo "Art brut préféré aux arts culturels". In esso spiega: "Intendiamo con questo nome opere... nelle quali il mimetismo, contrariamente a ciò che avviene per gli intellettuali, ha poco o scarso peso. I loro autori traggano tutto (soggetti, scelta dei materiali, messa in opera, ritmi, stili di scritture) dai loro propri mezzi e non da stereotipi dell'arte classica o alla moda.. Assistiamo a un'operazione artistica... reinventata dal suo autore...partendo solamente dai propri impulsi".Più precisa Lorenza Trucchi: "Il termine...vuol dire arte fuori dalla cultura".
Arte pura, che non ha bisogno di una visione mimetica della realtà, perché basa la sua interpretazione sul dato oggettivo. Se di realtà si deve parlare essa è nuda e cruda. Ma Sassi non si ferma qui: la sua pittura ha bisogno di un altro canale per manifestarsi, non basta urlare e ammonire, adoperare colori forti, accesi, di immediato impatto visivo.
No: egli racchiude il suo pensiero e il suo spirito in parole secche, come in "Urla!", "Aiuto!", "No", "Si", ma esplicative sono anche frasi e i richiami a personaggi quali Falcone, Gramsci, Pasolini. Scriveva Falcone: "Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana". Onore a Giovanni Falcone. Onore, sembra una frase normalissima, ma a oggi, cosa di nuovo è cambiato?
Se poi nell'avvertimento del giudice fascista contro Gramsci si palesa un avvenimento molto vicino a noi (il Sig. S. B., acquistando tutti i giornali e controllando tutte le TV italiane, non "imbavaglia" forse la libertà delle persone?) nell'opera incentrata sulla morte del grande poeta, scrittore, giornalista, linguista e cineasta Pasolini non penso ci sia bisogno di commenti: il fondo scuro, il viso pallido appena abbozzato su cui la lama rossa di sangue deturpa i tratti.
Molto più incisiva è la frase che l'accompagna: quel "Bastardi", gridato a pieni polmoni, non è rivolto unicamente a chi ha compiuto materialmente l'omicidio (P. Pelosi, da solo o in presenza di altre persone), ma a tutti coloro che commettono atti violenti.
Questa è una caratteristica della sua pittura, perché dal dato singolo si passa all'universale. Il suo è un atto d'accusa diretto, civile e politico a un tempo, provocatorio ma sempre costruttivo. "Quanto deve soffrire e sputare sangue un uomo per essere tale?" È una domanda ricorrente in molti di noi, a cui nessuno, purtroppo sa dare una risposta...

Milano, 9 novembre 2009.
Gianni Gallinaro
 (Accademiadi Brera)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Musica e arte


Articolo più letto relativo a Musica e arte:
Rattattuju alla Sagra delle Cerase

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Forse il dolore non ha odore" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/