Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Muore sepolto da acqua e detriti

 .:Inviato Martedì, 29 gennaio 2002 @ 16:49:58 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia: Eugenio Longo, 27 anni, è rimasto ucciso dal materiale di risulta mentre era alla guida di una pala meccanica che è sprofondata. Anche quattro feriti nella tragedia. La Regione: «E’ abusiva» L'ultima telefonata alla sua fidanzata. Poi, dopo pochi minuti, la tragedia. Per Eugenio Longo, 27 anni, non c'è stato scampo. E' stato scaraventato con la ruspa sulla quale stava lavorando giù per una decina di metri, sommerso da un fiume di acqua e detriti che si è staccato da un versante della cava di travertino dello stabilimento Caucci in via del Pantano a Villalba di Guidonia. E' successo intorno le 11.30 di ieri mattina, ma fino alla tarda serata di ieri, nonostante i disperati tentativi dei colleghi e dei vigili del fuoco, del mezzo completamente sommerso dall'acqua era visibile solo una piccola parte. Uno strazio per altri gli operai che hanno assistito alle manovre di recupero con le lacrime agli occhi ed i parenti. «Vigliacchi - gridava il padre della vittima, arrivato dalla Calabria nel tardo pomeriggio - sono cinque ore che mio figlio è lì sotto: se c'era una speranza ormai è passato troppo tempo». Nella cava - che secondo la Regione doveva essere chiusa e non aveva alcuna autorizzazione - al momento dell'incidente c'erano altri quattro operai. Alcuni dell'azienda di Mario Caucci, ed altri, come Eugenio Longo, per conto della Cosmoter, una società che si occupa della frantumazione e trasporto dei materiali di risulta nelle cave. Erano due sulle ruspe ed altri tre che erano impegnati a montare le pompe per liberare il bacino da una vena di acqua. Ed il bilancio finale dell'incidente sul lavoro, il terzo con vittime dall'inizio dell'anno nel settore estrattivo è gravissimo: un morto e quattro feriti. Tutto è successo in un attimo. All'improvviso tonnellate e tonnellate di materiale di risulta e terra sono scivolate lungo la parete, il crollo ha interessato una parte della strada interna della segheria, e sono finite nell'acqua, causando un'ondata alta una decina di metri. Tutti gli operai sono stati travolti sono riusciti ad emergere, alcuni si sono aggrappati a delle corde, un altro è stato salvato da un collega. Ma all'appello mancava il più giovane, rimasto bloccato nell'abitacolo della ruspa. Fernando Muzi, 40 anni, di Licenza, è il più grave: ha riportato una contusione polmonare, diverse fratture e delle ferite. E' ricoverato con una prognosi di 40 giorni. Giorgio Maggioni, 50 anni, di Tivoli, se la caverà invece in 30 giorni. «Ho visto la morte in faccia - sussurra ancora sconvolto - per quattro volte sono andato giù nella melma, poi mi sono aggrappato ad una corda. Non vedevo niente. Mi sento un miracolato». L'altro ferito è Salvatore Sinatra, 52 anni, di Marcellina. E' ricoverato nel reparto di osservazione con una brutta contusione della colonna vertebrale. La prima prognosi è di dieci giorni, ma i medici dovranno effettuare ulteriori indagini; domani verrà sottoposto ad una Tac. Sul fronte delle indagini, che dovranno accertare se esistono responsabili dell'accaduto, non ci sono ancora, ufficialmente persone indagate. Fino a notte fonda gli uomini del commissariato di Tivoli hanno sentito i testimoni - una decina - tra cui i proprietari della cava e della Cosmoter. Un altra parte degli accertamenti è della Polizia mineraria che ha competenza nel settore estrattivo mentre dall'ispettorato del lavoro dovrà essere accertata l'esatta dinamica dell'incidente, e soprattutto se a causare il disastro sia stata l'inadempienza delle norme della sicurezza sul posto di lavoro. Intanto, secondo quanto ha dichiarato l'assessore regionale alle attività produttive Francesco Saponaro, tutti i lavori che che si stavano effettuando nella cava sarebbero abusivi. «Sono profondamente addolorato - sostiene Saponaro tramite il suo ufficio stampa - per il tragico incidente di Guidonia, ma questo è avvenuto in una vecchia cava abbandonata, non in esercizio e non autorizzata dal Comune nè dalla Regione, con lavori svolti quindi in forma abusiva. I lavoratori non dovevano e non potevano operare in quell'area». (da Il Messaggero del 29/01/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Muore sepolto da acqua e detriti" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/