Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 LA TRAGEDIA DELLA CAVA

 .:Inviato Martedì, 29 gennaio 2002 @ 16:34:16 da titiro
Rassegna Stampa Il racconto degli operai: la terra ha tremato e abbiamo visto i compagni precipitare nella melma «Ingoiati da una voragine di fango e acqua».«Aiuto il terremoto!» hanno gridato all'unisono, Fernando Muzi 50 anni di Licenza che alle cave lavora insieme ad un fratello, Salvatore Sinatra di 52 anni di Marcellina, Sergio Maggioni di 53 di Guidonia, ora ricoverati all'ospedale di Tivoli, ed il giovane ventiseienne, Eugenio Longhi originario di Reggio Calabria ma residente a Collefiorito di Guidonia, che ha perso la vita, percependo la stessa sensazione di terreno che sfuggiva sotto i piedi. Gli operai della Tc travertino Caucci erano intenti a montare le pompe per aspirare l'acqua da quella cava dismessa che ora doveva essere riaperta e quelli della Cosmoter stavano effettuando i lavori di scavo. E' successo così, tutto all'improvviso verso mezzogiorno. Un leggero tremore del terreno, un impercettibile movimento e poi una cascata di terra ed acqua che ha trascinato gli operai sul costone riversandosi sugli altri lavoratori che erano sul fondo della cava. Le grida degli uomini al lavoro hanno avvertito i compagni, che si apprestavano ad interrompere il loro per la pausa pranzo, della tragedia che si era appena consumata. Ai primi arrivati lo spettacolo si è presentato agghiacciante: un mare di acqua, terra e fango aveva trasformato interamente il posto. L'acqua sul fondo era salita in pochi secondi di almeno una decina di metri sollevata dai detriti e dalla terra che erano andati a riempire il fondo. Sul posto tre operai, miracolosamente illesi perchè senza rendersene conto erano riusciti a mettersi in salvo. Altri tre invece non erano in grado di aiutarsi, feriti in varie parti e ormai senza la possibilità di alcun appiglio. Più grave e fatalmente segnata è apparsa subito la posizione del giovane alla guida dell'escavatore il cui corpo, a notte inoltrata, nonostante il lavoro intenso ed anche l'apporto dei volontari della protezione civile di Guidonia, non era stato possibile ancora recuperare. Nonostante il mezzo fosse pesantissimo, infatti, era stato ribaltato come un fuscello dall'urto violento dello smottamento e dell'acqua. Immediati i soccorsi da parte della polizia, dei carabinieri, dei vigili del fuoco che sono accorsi in forze anche con il reparto dei sommozzatori ed un elicottero che si è reso necessario per tirar via con un imbrago gli operai poi portati d'urgenza in ospedale. E mentre a Licenza e Marcellina, come a Guidonia molti si sono stretti intorno alle famiglie all'ospedale tiburtino è scattato subito un piano di pronto intervento che ha messo tutte le strutture a disposizione dei feriti che stavano arrivando. Prognosi di 45 giorni per Fernando Muzi, 30 quelli che i medici hanno dato invece a Sergio Maggioni, con 10 giorni ma sono in corso più approfonditi esami, se la dovrebbe cavare, infine, salvatore Sinatra che per il momento sembrerebbe accusare solo una forte contusione alla colonna vertebrale. (da Il Tempo del 29/01/02)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"LA TRAGEDIA DELLA CAVA" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/