Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Appello

 .:Inviato Lunedì, 04 maggio 2009 @ 15:41:32 da ortodeifrati
Ambiente
Ricevo e pubblico un accorato appello di uno dei tanti che cercano di fare qualcosa per la nostra salute. Non riporto il nome della persona che mi ha inviato l'appello, ma una parte della mail invece si, quella è determinante per capire lo stato d'animo di chi ha scritto e di chi quotidianamente rischia di fare la stessa fine per aiutare il prossimo.


Ho scritto quanto segue di getto, ma credo sia chiarissimo come la penso; non credo che sia il momento di mettersi a scrivere in "bello italiano", semmai è il momento di agire.

Vi prego di leggere da questo link

La situazione è molto grave, per usare un eufemismo.
Non commento il post sopra, ne prendo semplicemente atto.

5000 euro scarsi raccolti a favore della nanodiagnostics, in molti mesi, (quasi un anno) sono una cifra ridicola.
Non trovo altre parole: è RIDICOLO.
Se non siamo capaci della disciplina necessaria a sviluppare e sostenere economicamente un movimento contro la nocività tramite la ricerca (seria) non andiamo da nessuna parte.

Quante volte accidenti, QUANTE volte, abbiamo tutti potuto contare su Stefano Montanari e le sue conferenze?
Centinaia di volte?
"solo" decine di volte?...
Se le polveri di un inceneritore sono state rilevate dentro alle biopsie di un tumore, lo si deve a Gatti&Montanari e a nessun altro; si tratta di rendersi conto di cosa si sta parlando e di quanto c'è in ballo.

Forse, amici della Rete no inc, è il momento di ricambiare, o non avremo una seconda possibilità:
compriamo i libri (e facciamone regalo ai Sindaci inadempienti la legge),
rinunciamo ad una pizza o un CD
mettiamo da parte una moneta ogni volta che entriamo sul suo sito... E MANDIAMOGLI 10 EURO, 20 EURO, 50 EURO.
Minimo.

Non so se ci rendiamo conto, ma tutto il peso economico del laboratorio a Modena
è sulle spalle dalla famiglia Montanari e basta.

Forse è ora di darsi una mossa: servono i FATTI non solo le belle idee e la consapevolezza di essere nel giusto (sostenendo la strategia zero rifiuti). Solo con la solidarietà, astratta, non si va da nessuna parte...
Il laboratorio di Modena è un patrimonio del Paese, di tutti coloro che si oppongono ai VisigotiUnited, di destracentrosinistra&tirolesi (qualunque cosa significhino nel 2009, in Italia, quelle parole. All'estero non lo so, e adesso non mi importa).

Montanari ha il solo torto di non fare un banner gigante sul suo sito:
servono donazioni.
SERVONO-DONAZIONI.
servono donazioni.
Adesso.
Visto che è troppo un gentiluomo per chiedere aiuto, allora è il momento che l'aiuto glielo diano gli AMICI.
Se amici sono.

Bisogna mandare avanti il laboratorio a Modena.
Adesso.
Non domani o dopodomani...
Adesso.

Se chiude, il danno sarà irreparabile.

«Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformate in azioni»
Ghandi

PS

Questo appello alla rete no inc è il solo modo che ho di continuare (continuare) ad aiutare la nanodiagnostics: una briciola di quanto Gatti e Montanari hanno aiutato tutto il movimento rifiuti zero, in fondo.
Quante centinaia o migliaia di persone siamo in questa lista?
Bene.
Mano al portafoglio.
Adesso.

Le indicazioni per come e dove mandare le donazioni, le trovate sul sito stefanomontanari.net

-----------------------------------------

In caso di indisponibilità del sito di Stefano Montanari riporto l'articolo indicato nel link:

Al ballo dell'Homo felix

I pochi che hanno letto Il Girone delle Polveri Sottili forse lo ricordano. Del resto, io non ne ho mai fatto mistero: se una sorte impietosa mi costringerà a dover vivere un'altra vita dopo aver portato a faticoso compimento questa, prego il cielo che mi faccia abbastanza saggio da non cadere negli errori in cui sono caduto. Se quella saggezza mi fosse concessa, certo rifarei ben poco. Quasi niente.
Questo è ciò che ho voluto ripetere nelle ultime righe del post dedicato a Mario Lagi, un ragazzo che, se non imparerà in fretta a diventare cattivo come si conviene ad un membro del consorzio umano, avrà di che soffrire.
Io la lezione l'ho imparata tardi, quando ormai la caduta era senza possibilità di ritorno. Comunque, temo che, se anche me ne fossi accorto prima, molto prima, ci sarei cascato lo stesso. E la colpa è di mia madre, mia madre che ora, mentre scrivo, è a due metri da me, ad occhi chiusi su di un letto e non ha nemmeno la forza di morire, mangiata con sadica lentezza da un cancro di cui sarebbe imbarazzante conoscere l'origine. Fu mia madre, non a chiacchiere ma con l'esempio, a traviarmi: ad insegnarmi fallacemente che non si può essere vili e che quando hai la possibilità di dare una mano al tuo prossimo non hai scelta e lo devi fare. Non hai scelta... Se non hai scelta, non c'è merito. E  non c‘è nemmeno morale.
E, invece, la scelta c'è ed è obbligata per mero spirito di sopravvivenza: non c'è che da scegliere di girarsi dall'altra parte se si vuole vivere. Vivere magari persino felici. Felici, e addirittura con il rispetto, finanche l'ammirazione, di quel prossimo che si è abbandonato alla malora del suo destino. Perché la cosa che, fra tutte, si odia di più è dovere dire grazie.
Io il grazie non l'ho mai preteso. Anzi, m'imbarazza. Eppure, a scanso di equivoci, per non correre il rischio di dover pronunciare quella parola così agra da partorire, l'Homo felix - felix per distinguerlo dal sapiens in estinzione - si è premunito: una manna dal cielo per le canaglie che io ancora mi affanno a combattere (non ridete) per il bene comune.
Da lì, da quella reazione in fondo così tipica dell'uomo, con me totalmente indifeso per la mia patetica ingenuità imprevidente, per l'avversione a quel grazie arrivano tutto il fango che mi è stato lanciato addosso e tutti i giochetti, tanto rozzi quanto efficaci, per togliermi anche questa volta lo strumento di lavoro senza il quale non avrei quelle novità per tanti versi e a tanta varietà di persone così sgradevoli da comunicare.
Io ho detto che qualcuno mi vuole togliere il microscopio. Qualcun altro mi chiede se io ne abbia le prove. La risposta è sì. Qualcun altro ancora mi chiede se so che la cosa avverrà dopo le elezioni. La risposta è che credo che quella sia la logica: un atto del genere compiuto ora rischierebbe di far perdere una manciata di consensi. Dopo il 7 giugno (auguri: è il mio compleanno!), la cosa non comporterebbe rischi e, sia come sia, allora il gioco varrà la candela.
Se la manovra ci sarà, ne garantisco il successo: quel microscopio per il quale mi sono massacrato, per il quale IO ho raccolto gran parte del denaro correndo a mia cura e spese su e giù per l'Italia, tenendo oltre 200 conferenze al termine delle quali mi appellavo al buon cuore di chi non aveva pagato un centesimo per quattro ore d'informazione scientifica di prima mano e non di  rifritture di scoperte o di studi altrui, quel microscopio che io, da quello sciocco che sono, ho lasciato, ho addirittura preteso, che appartenesse ad alti, è stato l'emblema della mia rovina.
Garantisco il successo, anche perché saranno in quattro gatti ad alzare un dito e a gridare nel deserto tutto il loro orrore e, dunque, chi mi toglierà quell'aggeggio avrà di fatto campo libero.
Ora, alla soglia dei sessant'anni, mi sveglio e mi scopro pieno di debiti. Nemmeno i soldi per pagare l'affitto. Mi sveglio e scopro che tutto quello che costruisco con una fatica immane è fragile ben più delle case in Abruzzo, e basta un soffio beffardo di un qualunque cialtrone per fare polvere di tutto. Mi sveglio e scopro ciò che mi fa più male di ogni altra cosa, forse più ancora del tradimento dei falsi amici: l'Homo felix non vuole rompiscatole intorno. Se morire si deve, si muoia in allegria, con la benda sugli occhi e, magari, per overdose di euforizzanti. Dunque, fuori dai piedi!
A testimonianza di quell'atteggiamento che io, stoltamente, non avevo previsto, il calo verticale delle visite a questo blog, ormai frequentato solo da soliti quattro masochisti che si ostinano a farsi del male, a non voler chiudere gli occhi. A voi, compagni d'avventura, un consiglio: andatevene. Andatevene al ballo degli uomini felici, a spendere in allegria le fortune dei vostri figli con le prostitute di regime, i professori di plastica, i politici da farsa e da galera, i giornalisti pagati a riga, gl'imprenditori con i soldi nostri. Stare qui non conviene a nessuno: non si balla e non si ride.
Io, ormai, non ho gran che da perdere: alla mia età non troverò di sicuro un lavoro che mi permetta di sbarcare il lunario, e quando arriverà l'età della pensione, ammesso che una pensione me la diano e i nostri timonieri non si siano mangiata anche quella, non arriverò ai 300 Euro al mese. E allora? Allora non ho altra scelta se non continuare finché, in qualche modo, ce la faccio ad andare avanti. Dunque, non mi date più la pacca sulle spalle dicendo "Non mollare." Non mollo. Non mollo perché non ho altra scelta. Non faccio l'eroe: è semplicemente che affondo con la nave non per scelta ma perché la nave non ha scialuppe.
Alla fine, perse tutte le battaglie, è paradossalmente inevitabile che io vinca la guerra. Anzi, sarà la Natura a vincerla per me, e, quando la Natura vincerà, io sarò ancora più infelice di quanto non lo sia adesso, sempre che la cosa sia possibile.
Ora non mi resta che sperare nel perdono di mia moglie che non ho avuto il coraggio di mandare al diavolo quando mi comunicò la sua rovinosa scoperta. Non avrei dovuto sopravvalutarmi buttandomi ad aiutarla. Avrei dovuto impormi e convincerla di lasciar perdere, e questo anche per il bene suo.
E non mi resta che sperare nel perdono dei miei figli cui non ho saputo garantire un trampolino, pur minimo, per il futuro e cui non ho saputo insegnare come si sopravvive nella jungla.
Mia madre l'ho già perdonata: ha sbagliato, ma non poteva darmi altro che quello che aveva.
Quanto a me, io ho pensato troppo più grande di me: ho presunto di salvare il prossimo che credevo fosse il mondo intero. Invece aveva ragione Gesù: il prossimo è chi ti sta vicino. E chi ti è più vicino di te stesso?


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Appello" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Appello (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 04 maggio 2009 @ 23:13:22
E' un appello disperato che ha bisogno di essere preso in considerazione. Montanari è colui che insieme alla moglie sta lottando nel mondo e nel modo scientifico sulla pericolosità delle polveri sottili.

Credo che la prima cosa a fare sia donare il 5x1000 all'associazione che lo sostiene.

Se si decide di darci (darvi) una mano, inserite all'interno della casella "Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale...." la vostra firma ed indicate il codice fiscale dell'Associazione Ricerca è Vita Onlus: 92077370481.

Un'altra cosa che potremmo fare è mettere in ogni sito e stampa dei documento i dati dell'associaione x il 5x1000, evidenziati per esempio con un blocco i questo sito o con un banner.

Poi chiedere se ci sono conti correnti aperti per inviare i soldi direttamente a Montanari e diffonderli.

Mi sembra importante...



[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/