Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Nessuna Delega in Bianco

 .:Inviato Sabato, 02 maggio 2009 @ 14:53:52 da comitato
C.R.A. Guidonia COMUNICATO STAMPA DEL CRA Elezioni amministrative 2009 - Nessuna delega in bianco


Nel momento in cui, in piena “tenzone” elettorale, i vari candidati ed i partiti (di sinistra, di destra, di centro, di centrosinistra, di centrodestra e chi più ne ha più ne metta...) si riempiono la bocca di promesse, di buoni propositi sulla gestione futura del territorio, di non-sense e di appelli alla bontà, all'unità, alla famiglia, alla solidarietà, i cittadini vengono travolti da questa valanga di parole vuote e di slogan, che – ci dice l'esperienza – verranno disattesi lo stesso giorno seguente le votazioni amministrative locali....
Preleva il comuncato stampa


Comitato per il Risanamento Ambientale di Guidonia


Elezioni Amministrative 2009


NESSUNA DELEGA IN BIANCO


Nel momento in cui, in piena “tenzone” elettorale, i vari candidati ed i partiti (di sinistra, di destra, di centro, di centrosinistra, di centrodestra e chi più ne ha più ne metta...) si riempiono la bocca di promesse, di buoni propositi sulla gestione futura del territorio, di non-sense e di appelli alla bontà, all'unità, alla famiglia, alla solidarietà, i cittadini vengono travolti da questa valanga di parole vuote e di slogan, che – ci dice l'esperienza – verranno disattesi lo stesso giorno seguente le votazioni amministrative locali.

Tutt'altro che qualunquista diventa allora il discorso che, ormai da anni, fa il Comitato per il Risanamento ambientale di Guidonia (CRA), che, ancora una volta, ricorda ai candidati e soprattutto agli elettori la situazione incredibile che sta vivendo l'area guidoniana, sottoposta a “stress ambientale” e a malgoverno a causa delle amministrazioni che si sono susseguite a Piazza Matteotti, completamente succubi degli interessi privati dei “poteri forti”: i cavatori di travertino, i vari palazzinari, i cementieri Buzzi Unicem e “gli amici di Cerroni” (il re della “monnezza”).

Inquinamento pesante su tutto il territorio (in modo particolare a Villanova, Villalba, Guidonia, Setteville), gravissime patologie in costante aumento (dovute per lo più allo stesso inquinamento dell'aria), mancanza di servizi anche primari per larghe fette di popolazione, degrado urbano e sociale, forte disoccupazione soprattutto giovanile, danno ambientale: questo è il lascito che il malgoverno degli ultimi 20-30 anni pone al centro del dibattito elettorale e su cui elettori e candidati devono riflettere e dare risposte.

La discarica per rifiuti all'Inviolata continua a crescere e, diventata un “ecomostro”, costituisce un'onta ed un pericolo per tutta la popolazione e per l'ambiente. La Regione Lazio ha accentuato la già degradata situazione con l'autorizzazione a costruire un impianto per la produzione di combustibile da rifiuti proprio accanto alla discarica, le “ecoballe” pronte per essere incenerite nei forni della Buzzi Unicem, il cementificio che sta già fortemente compromettendo la qualità dell'aria cittadina, l’attività estrattive delle cave che continua a provocare pericolosi fenomeni di abbassamento della falda e del terreno, una previsione di aumento di decine di migliaia di residenti che investirà il territorio di Guidonia con una nuova ulteriore colata di cemento a tutto vantaggio dei palazzinari nostrani.

Tutto ciò è in netto contrasto con le promesse, fatte due anni fa e non mantenute, di avviare la raccolta differenziata domiciliare dei rifiuti.

Certo, Guidonia Montecelio non è l'unico comune del Lazio a subire le offese delle lobby industriali, tutte tese a fare i profitti privati a discapito della collettività, ma ad Albano la cittadinanza si è unita per contrastare la costruzione del gassificatore per rifiuti e per richiedere lo studio ambientale preliminare; a Roma-Malagrotta, la popolazione della circoscrizione ha fatto manifestazioni e ricorsi che hanno prima provocato il fermo e poi le indagini sul nuovo gassificatore ed ora ha avviato una “class action” per danni al patrimonio edilizio, depauperato a causa degli impianti industriali dell'area e dell'alleanza tra amministratori e lobbisti; a Colleferro, la magistratura sta perseguendo gli inquinatori del territorio, dopo le ennesime denunce degli abitanti. Anche sul nostro territorio la mobilitazione dei cittadini di Setteville, Case Rosse e Settecamini ha fermato il progetto della Basf di incenerimento di rifiuti speciali. Come si vede, la lotta collettiva può pagare.

Grazie anche al lavoro di informazione e controinformazione delle associazioni e dei comitati presenti sul territorio da anni, la scadenza elettorale deve far scattare nella popolazione guidoniana un sussulto di orgoglio, un rifiuto della delega in bianco, un impegno per il proprio futuro ed una presa di responsabilità in prima persona.


Comitato per il Risanamento Ambientale di Guidonia


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre C.R.A. Guidonia


Articolo più letto relativo a C.R.A. Guidonia:
Campo di golf a Tor Mastorta

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Nessuna Delega in Bianco" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/