Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Allarme rifiuti nel Lazio

 .:Inviato Sabato, 28 marzo 2009 @ 09:40:34 da news
Ambiente


ROMA - A partire dal prossimo 1^ aprile, Roma rischia di trasformarsi come Napoli, quando fu sommersa di rifiuti. A lanciare l'allarme, nel corso di una conferenza stampa, il presidente di Federlazio Ambiente, Bruno Landi: "Se i Comuni morosi, che sono circa quaranta nel Lazio, compresa Roma, non avranno pagato il loro debito, vedranno sospeso il servizio di smaltimento dei rifiuti. A Roma resteranno 4.500 tonnellate di rifiuti nei cassonetti e quindi il rischio Campania esiste". Al 28 febbraio, il debito maggiore è dell'Ama, con 124 milioni di euro, nei confronti del consorzio Colari che gestisce la discarica di Malagrotta."Abbiamo cinque giorni perche' accada quello che non e' successo in mesi di trattativa- spiega Landi- qui non si tratta ne' di uno sciopero ne' di una serrata perche' non vogliamo lo sfascio del Lazio, ma solo essere pagati".

Il direttore generale di Federlazio, Giovanni Quintieri, sottolinea che "proprio in queste ore sono in corso incontri con l'Ama. Lavoriamo per trovare un accordo, coinvolgendo anche il mondo bancario il Comune di Roma potrebbe dare delle garanzie". Secondo Quintieiri "il vero debitore e' il Comune ma la Regione Lazio ha la responsabilita' di autorizzare le discariche, determinare le tariffe, e quindi non se ne puo' lavare le mani. E' dal dicembre scorso che abbiamo chiesto il loro aiuto ma non abbiamo riscontrato una sensibilita' in questo senso".

Oltre a Roma, secondo Federlazio, i Comuni che attualmente detengono il maggior debito nei confronti delle aziende di smaltimento di rifiuti sono Pomezia (oltre 9 mln euro), Nettuno (8,6 mln), Mentana e Fonte Nuova (6 mln), Palombara Sabina e Monterotondo (5,4 mln), Latina (4,7 mln), Tivoli (3,2 mln), Ariccia (2,2 mln) e Ciampino (1,3 mln).


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Allarme rifiuti nel Lazio" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/